24 Dicembre 2021 - 09:30

Federica Napoli racconta come ha sconfitto il bullismo online

Federica Napoli, membro del gruppo milanese “Il Pagante”, ha raccontato come ha sconfitto il bullismo online ricevuto a causa della sua malattia, l’aplasia

Federica Napoli, membro del gruppo milanese “Il Pagante”, ha raccontato come ha sconfitto il bullismo online ricevuto a causa della sua malattia, l’aplasia. Lo ha fatto, ormai nel 2017, con una canzone Too much il cui video si apre con un bel dito medio virtuale disegnato sul pc.

La malattia di Federica, infatti, ha portato al mancato sviluppo delle dita della mano sinistra. La cantante 25enne, assieme agli compagni Eddy Veerus e Roberta Branchini, ha deciso di mandare “a quel paese” tutti coloro che l’hanno insultata online.

La giovane si è raccontata, poco dopo l’uscita del singolo, a DonnaModerna: «La canzone vuole prendere di mira tutti i comportamenti sopra le righe del mondo di oggi: dall’ossessione per l’immagine sui social ai programmi trash in tv». Federica reputa too much anche tutti quei messaggi che nel corso degli anni sono arrivati sui social, e ne cita alcuni: “Dammi il cinque! Anzi no” oppure “AAA: mano di Federica Napoli cercasi”.

La cantante ha spiegato che, prima di quegli insulti, la mano non era un problema. Dopo aver scoperto dove poteva arrivare la ferocia del bullismo online, per lei era diventata quasi un’ossessione tanto da nasconderla sul palcoscenico. Il punto di svolta arriva quando decide di fare “outing” e pubblicare una foto su Facebook che ha generato circa 25mila reazioni tra lile, commenti e condivisioni. Alla foto era accompagnato un lungo post che iniziava così: «Eccomi qua, sono io, Federica Napoli, e questa è la mia verità».

Da quel momento, spiega Federica, gli haters sono diminuiti notevolmente. La sua è una storia che fa capire quanto il bullismo e il cyberbullismo marcino sul silenzio delle vittime e di chi gli sta intorno.

SEGUICI SU CYBERZONE.IT

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Cyberbullismo, Polizia e Carabinieri nelle classi contro i crimini del web