Francia, treno travolge autobus con a bordo studenti

AttualitàFrancia, treno travolge autobus con a bordo studenti

Violento scontro tra uno scuolabus ed un treno a ridosso di una passaggio a livello in Francia, nel comune francese di Millas. I bilancio è di 4 studenti morti e vari feriti ricoverati negli ospedali limitrofi. Ancora oscure le cause del disastro. Macron: ”il mio pensiero va a vittime e familiari”

Uno scuolabus con a bordo studenti è stato vittima di una collisione violenta da parte di un treno che viaggiava ad alta velocità ad un passaggio a livello nel comune di Millas, a 15 chilometri da Perpignan nel sud-ovest della Francia, non lontano dal confine spagnolo.

 

Dopo le prime confuse informazioni trasmesse e veicolate dai media locali, il Ministro dell’Interno ha stilato un primo bilancio delle tragiche e disastrose conseguenze: 4 vittime tra gli studenti coinvolti, tutte morte sul colpo; tra di esse anche una bambina di 11 anni deceduta in seguito a causa delle gravi ferite riportate.

Le conseguenze più gravi dell’impatto sono state ovviamente a carico dello scuolabus, la cui mole era decisamente minore rispetto alla convoglio ferroviario; i feriti più gravi, immediatamente trasportati negli ospedali più vicini, sono stati infatti ritrovati proprio all’interno dell’autobus della scuola francese. Dei 12 feriti lievi, poi, ben 9 erano a bordo dell’autobus, gli altri 3 sul treno.

Lo scuolabus trasportava in totale 19 ragazzi di età compresa tra i 13 ed i 17 anni, che stavano procedendo verso le loro abitazioni dopo aver svolto, come di consueto, le loro lezioni presso l’istituto francese; la collisione è avvenuta intorno alle 16:00 del pomeriggio della giornata di ieri. Sul treno viaggiavano, invece, 25 passeggeri secondo quanto riportato dal portavoce di Sncf, l’autorità del trasporto ferroviario francese.

Poco chiare le modalità dell’incidente. ”Quel passaggio a livello aveva una brutta fama”

Le cause di un così tragico disastro sono ancora tutte da chiarire, molte le variabili suscettibili di future indagini che verranno vagliate dagli inquirenti. Soprattutto c’è da chiarire cosa ci facesse l’autobus sopra quei binari durante il passaggio del treno. Inoltre la reputazione di quel passaggio a livello era ben nota ai cittadini locali; ”che fosse pericoloso era cosa assolutamente risaputa e comprovata da altri precedenti e minori incidenti”, ha così commentato anche il quotidiano Le Figaro.

Interrogata sulle modalità di collisione, Snfc fa sapere che il convoglio stava viaggiano a circa 80 chilometri orari al momento dello scontro; quanto al passaggio a livello, un altro rappresentante del sistema ferroviario francese afferma che era in buono stato, perfettamente funzionante, munito di apposite luci segnaletiche e delle più innovative tecnologie di rilevamento treno; ha poi continuato ”Diversi testimoni hanno detto di aver visto la barra abbassata. Inoltre, il passaggio a livello era ben equipaggiato di luci e aggiornato alle ultime tecnologie. Sarà l’inchiesta a determinare se tutto stesse funzionando correttamente”.

Mobilitazione totale dei soccorsi per le famiglie coinvolte

Una testimonianza chiave, per il momento, sembra essere quella di Barbara, passeggera del treno in questione che intervistata dal quotidiano locale L’Indépendant ha dichiarato:“L’urto è stato violento. Avevamo l’impressione che il treno stesse per deragliare piegandosi di lato”. Il sindaco di Perpignan ha aggiunto alle reazioni il suo enorme dispiacere per il disastroso avvenimento:“Lo scenario è quello di una catastrofe. Le famiglie sono distrutte. Sono stato in una sala, tra i parenti, che sono nello sconforto più assoluto”.

Tra i commenti non poteva di certo mancare il Presidente francese Emmanuel Macron, che attraverso un tweet ha espresso la sua vicinanza alle famiglie coinvolte nella tragedia: ”Tutti i miei pensieri vanno alle vittime del tragico incidente che ha visto coinvolto uno scuolabus, e soprattutto alle loro famiglie. I servizi di soccorso e di aiuto sociale sono stati mobilitati e disponibili”.

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
91,350
Totale di casi attivi
Updated on 2 August 2021 - 17:08 17:08