Garlasco: la Cassazione conferma la condanna a 16 anni per Stasi

Cronaca Garlasco: la Cassazione conferma la condanna a 16 anni per Stasi

Garlasco: la Cassazione ha deciso di rigettare i ricorsi presentati dalla Procura generale di Milano e dalla difesa contro la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello il 17 dicembre scorso. Rita Poggi: “Giustizia è fatta”

La Cassazione ha confermato e reso definitiva la condanna a 16 anni per Alberto Stasi per l’omicidio di Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco, il 13 agosto 2007. Convalidata la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello il 17 dicembre dello scorso anno e parola fine a una vicenda giudiziaria durata otto anni.

- Advertisement -

La quinta sezione penale ha dunque respinto sia il ricorso della difesa che chiedeva l’assoluzione di Alberto Stasi sia quello della procura generale di Milano che chiedeva per l’imputato una condanna a 30 anni di reclusione contestando al giovane anche la crudeltà dell’omicidio.

GarlascoLa decisione è arrivata dopo circa due ore di camera di consiglio. Nella giornata di ieri il sostituto procuratore generale Oscar Cedrangolo aveva chiesto un nuovo processo in accoglimento di entrambi i ricorsi.

- Advertisement -

Giustizia è fatta” queste le prime parole di Rita Poggi, la madre di Chiara, che ha commentato la sentenza dalla villetta di Garlasco. “Sono emozionata- ha proseguito la signora Poggi- dopo le parole del procuratore eravamo un po’ pessimisti. Forse sarà un Natale un po’ diverso, dopo questa sentenza proviamo sollievo. Non si può gioire per una condanna- ha aggiunto- è una tragedia che ha sconvolto due famiglie.  Alberto era come un figlio.

- Advertisement -
Pasquale Colarieti
Pasquale Colarietihttps://zon.it
Laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli studi di Salerno, coltivo da sempre il sogno di poter entrare nel mondo del giornalismo. La mia grande passione è lo sport, ma seguo con interesse anche la politica. Mi piace viaggiare e nel tempo libero spesso navigo sui social network.

Covid-19

Italia
142,739
Totale di casi attivi
Updated on 21 October 2020 - 05:26 05:26