Gazzelle è in tour in tutta Italia per presentare il suo nuovo album “Post Punk”: testo e significato dell’ultimo singolo “Vita paranoia”

La nuova scena musicale italiana è formata soprattutto da rapper e cantautori indie, tra questi si distingue Flavio Pardini, alias Gazzelle, che è uno degli artisti apprezzati per il modo di scrivere semplice e diretto. L’ultimo singolo del cantautore romano si intitola “Vita paranoia“.

Il brano parla di una relazione momentaneamente sospesa. Siamo smarriti in una condizione di “limbo” e non sappiamo come comportarci. Ci sentiamo inadeguati e veniamo travolti da tante situazioni ancor prima di mettere a nudo i nostri sentimenti. Gazzelle canta: E sto come una bomba, non in modo positivo ma nel senso che potremmo esplodere da un momento all’altro.

POST PUNK

Il 25 ottobre è uscito “Post Punk“, il nuovo progetto discografico di Gazzelle in cui sono contenuti i brani del disco “Punk” come “Scintille“, “Coprimi le spalle” e “Sopra“. Inoltre nel nuovo album sono presenti 4 nuovi inediti: “Settembre”, “Una canzone che non so”, “Polynesia” e “Vita paranoia”.

TOUR

Il cantautore romano è in tour per presentare i suoi successi al grande pubblico. Le ultime due date disponibili sono Bari (5 febbraio 2020 al PalaFlorio) e Napoli (8 febbraio 2020 al Palapartenope). Biglietti in vendita su Ticketone.it

TESTO

E mischio l’alcool con la Coca-Cola
e fidati non è una cosa buona
ma fidati la vita non è buona
per berla in una volta sola
e non c’è niente che io possa fare
quanto sto bene quando vivo male
quando cammino solo nel quartiere
quando ti vedo attraverso un bicchiere
che assomiglia a una rivoluzione
ad un segreto che non si può dire
ad un boato dopo un’esplosione
ad un reato senza punizione
a quella voglia matta di dormire
a quella voglia matta di svenire
addormentarmi dove il sole muore

E sto come una bomba
e, sì, come una bomba
ma mica in senso buono
nel senso che domani esplodo
e vita paranoia
e cuore in salamoia
mentre la testa vola
e a volte però non riatterra
nanana na

E mischio gli occhi tuoi con le lenzuola
e fidati non è una cosa buona
ma fidati la vita è così buona
se resti tra le mie lenzuola
e non c’è niente che io possa fare
quanto sto bene sotto il temporale
quando cammino sopra il lungomare
quando ti vedo da sotto le scale
che assomiglia a una rivoluzione
ad un segreto che non si può dire
ad un boato dopo un’esplosione
ad un reato senza punizione
a quella voglia matta di dormire
a quella voglia matta di impazzire
e disegnare il sole dove muore

E sto come una bomba
e, sì, come una bomba
ma mica in senso buono
nel senso che domani esplodo
e vita paranoia
e cuore in salamoia
mentre la testa vola
e a volte però non riatterra
e sto come una bomba
e, sì, come una bomba
ma mica in senso buono
nel senso che domani esplodo
e vita paranoia
e cuore in salamoia
mentre la testa vola
e a volte però non riatterra
nanana na