Giornata mondiale della fotografia, 117 anni di ricordi



Giornata mondiale della fotografia, 117 anni di ricordi

117 anni dopo il primo scatto si celebra la giornata mondiale della fotografia, in inglese “World Photo Day”

Il 1837 viene ricordato dagli esperti del settore come l’anno in cui viene inventato il  dagherrotipo ovvero un processo fotografico sviluppato da Joseph Nicèphore Nièpce and Louis Daguerre. Soltanto un paio d’anni dopo, nel gennaio del 1939,  l’Accademia francese delle scienze annuncia lo sviluppo del processo del dagherrotipo (il “progenitore” della fotografia)

Il 19 agosto del 1939, il Governo francese acquista il brevetto dichiarando che la vita dei cittadini non sarà più la stessa da quel momento in poi, in Francia e nel mondo. Il primo scatto risale però al 1826, quando Nicèphore Nièpce catturò la prima immagine fotografica con il processo eliografico.

La ricorrenza non poteva essere dimenticata da Facebook, il social network che, insieme a Instagram, vive di foto e di condivisioni delle stesse. Per questo motivo stamattina tutti gli amanti del social si sono svegliati con un doodle molto particolare: da una parte c’è un’immagine e dall’altra una didascalia. L’immagine è un collage di foto, sormontate da una macchina fotografica. Al centro viene rappresentata una coppia che si abbraccia e ai lati troviamo un volatile e un cane che lecca un gelato.

GiornataMondialeFotografia2016FacebookLa didascalia recita: «177 anni di foto. Oggi è la giornata mondiale della fotografia, che celebra la data in cui fu inventata. Ecco le immagini che ci regalano una nuova prospettiva del mondo, avvicinandoci sempre di più».

 

Il mondo della fotografia è cambiato radicalmente dal 1839 e sostanzialmente negli ultimi anni, la macchina fotografica, le pellicole, le stampe, sono state sostituite dalle foto digitali, la frase “Ho stampato dieci foto” è stata sostituita da “Ho pubblicato dieci foto oggi”. Nonostante questo, però, la funzione della fotografia rimane più o meno inalterata: se in passato la funzione principale era quella di ricordare, negli anni si è aggiunta la funzione di emozionare. E nel 2016 a questi due meravigliosi compiti si è aggiunto anche quella di poter condividere, ricordi ed emozioni.

Leggi anche