Gli allievi della Salernitana di mister Fusco alle finali nazionali



fusco
Salernitana in Finale

Dall’11 al 19 giugno 2015, la Salernitana di mister Fusco alla fase a otto a Chianciano

 Mantova 31 maggio 2015 ottavi di finale Campionato Allievi, gara di ritorno: Mantova 2 – Salernitana 1.

Per gli effetti del doppio confronto la Salernitana, avendo vinto in casa per uno a zero, approda alla Finale a otto a Chianciano Terme.

fusco
Mantova e Salernitana al saluto iniziale.

Stringe i denti la Salernitana di mister Fusco e sull’erbetta naturale di Mantova riesce a portare a casa la qualificazione. Tra le insidie di un fondo diverso ( erba naturale) da quello di Salerno, reso ancora piu’ difficile dall’acqua irrorata  prima della gara, gli allievi della Salernitana coronano nel migliore dei modi i sacrifici di un anno di gare. Adesso li aspetta il confronto con le migliori otto d’Italia che nomineranno i nuovi Campioni d’Italia 2014/15. Passata prima in vantaggio la Salernitana con il solito Ciuccio, si fa prima raggiungere sul pari e poi superare sul due a uno che resta invariato fino a fine gara diretta dal Sig. Alessandro Maninetti di Lovere di Bergamo, con la collaborazione dei Signori Faini e Komossi di Brescia.

fusco
Luca Fusco tecnico Allievi Salernitana 2014-15.

A fine gara tutta la soddisfazione con  il coronamento di un sogno da parte del tecnico Luca Fusco:

“Siamo felicissimi di questo risultato, al di là delle difficoltà incontrate in campionato con squadre ben degne di rispetto come Paganese, Juve Stabia, Reggina ecc. ecc. E’ questo un risultato meritato perché sancito dal terreno di gioco. Alla lunga penso che abbiamo dimostrato di entrare meritatamente, nelle prime otto. Io personalmente sono contento e ancor di più per questi ragazzi che oggi hanno dato tutto, come tutti i sacrifici fatti da quando stanno con me e sono parecchi mesi. A questo punto posso solo dire che il coronamento di questa bella avventura ci inorgoglisce tanto!”

fusco
Mantova Salernitana Allievi a fine gara.

P.D.: “Quasi tutte le sostituzioni fatte, sono state dettate dallo stremo dei ragazzi che ravvisavano l’arrivo dei crampi?”

Fusco; “ Certo! Anche se abbiamo giocato su un terreno in erba naturale ed il fondo era un po’ bagnato. Di conseguenza, quando in questo tipo di gare si dà più di quello che si ha, allora risulta naturale e logico effettuare dei cambi adeguati per non perdere l’intensità giusta. Anche se sul finire abbiamo molto sofferto il loro ritorno e la loro vemenza. Ma tutto sommato sull’arco delle due gare, penso che il risultato sia stato giustissimo e meritato”.

Dai risultati dei campi si sono già definite le due griglie per le finali:
Novara, Pordenone, Como e Salernitana, la prima griglia; Sudtirol, Cremonese, Reggina e Lecce la seconda griglia.

Leggi anche



Articolo precedenteTony Awards, la sessantanovesima edizione
Prossimo articoloElezioni regionali 2015: vincitori e vinti
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...