Juventus-Atalanta
Foto: Twitter Atalanta BC

All’Allianz Stadium, la supersfida tra Juventus-Atalanta termina 2-2: due rigori di Ronaldo rimontano il doppio vantaggio della Dea. Bianconeri a +8 sulla Lazio

Juventus-Atalanta finisce 2-2. Un calcio di rigore di Ronaldo all’89’ “rovina” il sogno della Dea di agganciare il 2° posto e avvicinarsi ai bianconeri in chiave titolo. La squadra di Sarri sale a +8 sulla Lazio e vede il titolo.

La partita

Primo tempo dal punto di vista tattico dominato dalla squadra di Gasp: la Dea si presenta subito in maniera pericolosa con Zapata al 6′ ma il colpo di testa del colombiano termina di poco alto. Poi ci prova Ilicic con un tiro che termina di poco sul fondo. Poi al 17′ arriva il vantaggio: da un recupero di Freuler a metà campo, Gomez imbecca Zapata che si libera di Bentancur e fulmina Szczesny con un forte rasoterra.

L’Atalanta gioca a memoria e con convizione, invece la reazione della Juventus non c’è nell’immediato. La prima occasione giunge soltanto al 33′ con Dybala ma Gollini con la punta delle dita dice ‘no’ al diagonale della Joya. Sul finale di tempo, Ronaldo spreca una clamorosa chance di testa sottoporta ma tutto inutile per un offside.

Nella ripresa, un tocco di mani di De Roon in area di rigore costringe Giacomelli a fischiare il penalty per la Juventus. Sul dischetto Ronaldo è glaciale e di potenza sigla l’1-1 al 55′, rimettendo in equilibrio la sfida. Nonostante il pari ed i cambi, l’Atalanta gioca meglio e sfiora il nuovo vantaggio con Hateboer di testa, ma l’olandese non inquadra la porta.

Successivamente inizia la girandola di cambi, a cui è presente anche Malinovskyi. L’ucraino sfiora il gol dell’1-2 al 73′ con diagonale mancino che si perde di poco a lato di Szczesny. Poi Cristiano Ronaldo si rivede e si crea una grande chance per ribaltare la partita ma un super-Gollini dice di no. Ma poi Malinovskyi non sbaglia alla seconda chance e all’81’ fa esplodere la panchina della Dea con il gol del 2-1, grazie ad un potente tiro col destro da dentro l’area di rigore.

A questo punto la Juventus va alla disperata ricerca di un gol per non perdere l’imbattibilità interna e per evitare la seconda sconfitta consecutiva. Ci prova Douglas Costa ma Gollini è attento, poi ancora Malinovskyi – decisivo il suo ingresso – sfiora il tris dopo una bella azione solitaria.

Ma all’89’ arriva un altro fallo di mano in area della Dea, questa volta di Muriel, e Giacomelli indica nuovamente il dischetto. Ancora una volta Cristiano Ronaldo contro Gollini ed il portoghese non sbaglia, siglando la doppietta personale ed il 2-2 allo scadere.

Juventus-Atalanta finisce così 2-2: la squadra di Sarri inizia ad intravedere il titolo, mentre la Dea vede sfumare il 2° posto al traguardo.

Il tabellino di Juventus-Atalanta

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Bonucci, Danilo (58′ Alex Sandro); Rabiot, Bentancur, Matuidi (81′ Ramsey); Bernardeschi (58′ Douglas Costa), Dybala (70′ Higuain), Ronaldo. – All.: Maurizio Sarri

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino (75′ Caldara), Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler (75′ Tameze), Castagne, Gomez (67′ Malinovskyi), Ilicic (60′ Pasalic), Zapata (67′ Muriel). – All.: Gian Piero Gasperini

Arbitro: Giacomelli

Marcatori: 17′ Zapata. 55′ rig. e 90′ rig. Ronaldo (J), 80′ Malinovskyi
Ammoniti: Bernardeschi, Cuadrado, Pasalic (A), Rabiot, Hateboer (A)