variante sudafricana vaccino Pfizer
Immagine da Pixabay

Da recente studio israeliano è stato verificato che la variante sudafricana è in grado di eludere la protezione di un vaccino in particolare

In uno studio condotto su 400 campioni di persone vaccinate con il siero Pfizer è stato verificato che la prevalenza di persone infette dalla mutazione B.1.351, la variante sudafricana, era di ben 8 volte superiore a quella di persone non vaccinate.

Potrebbe interessarti:

Anche se lo studio è stato condotto su pochi casi, la quantità e le cifre sono sufficienti per far insospettire gli studiosi israeliani e indagare la circostanza che ha favorito il contagio dei vaccinati con siero Pfizer. La popolazione israeliana è stata vaccinata quasi interamente con vaccino americano, mentre solo pochissime dosi di Moderna sono state utilizzate.

C’è di più. La protezione del vaccino Pfizer sembra risultare vulnerabile entro 7 giorni successivi alla seconda dose, mentre dopo 14 dall’ultima somministrazione non è risultato alcun caso positivo.

Per questo motivo molti ricercatori di diverse case farmaceutiche stanno addirittura sviluppando la formula per una cosiddetta “terza dose”, in grado di rafforzare la barriera di protezione dalle varianti del virus più aggressive. Dai primi approcci sembra che aggiornare i vaccini sia più semplice su quelli con tecnologia ad mRna come il vaccino Pfizer e Moderna, che su quelli basati su vettori virali e utilizzo dell’adenovirus come il vaccino Astrazeneca, Johnson&Johnson e Sputnik.

Letture Consigliate
Articolo precedenteEstrazione Million Day di oggi, lunedì 12 aprile 2021: i numeri vincenti
Prossimo articoloLe fate ignoranti: svelato il cast completo della serie
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.