Le sculture di Picasso in mostra nella Galleria Borghese di Roma

picasso

Tra gli altri capolavori presenti nella Galleria Borghese di Roma, anche le sculture di Picasso saranno in mostra da ottobre a febbraio

Nel 1917 Picasso ebbe modo di confrontarsi con la scultura dell’antichità romana, con le pitture murali pompeiane e con le sculture di Bernini, durante il suo viaggio tra Roma e Napoli. Dunque, a distanza di cento anni, la Galleria Borghese di Roma dedica all’artista un meraviglioso viaggio. Infatti, dal 23 ottobre al 3 febbraio, il pubblico potrà ammirare ben 55 capolavori realizzati dal grande maestro dal 1902 al 1961.

In particolare, ci saranno fotografie di atelier e video che descriveranno il contesto in cui sono nate le sculture. Invece, storie, miti, frammenti e figure esploreranno temi diversi. Ovviamente, le opere italiane di Picasso sono in stretto rapporto con la scultura di Bernini, con Michelangelo e con i dipinti di Raffaello e Caravaggio. Infatti, in questi capolavori c’è tutta l’esperienza vissuta a contatto con l’arte italiana. Il titolo della mostra è Picasso. La scultura. Il progetto, inoltre, è a cura di Anna Coliva e Diana Widmaier-Picasso.

Questo appuntamento alla Galleria Borghese offre l’occasione di ammirare la scultura di Picasso, che per lungo tempo è rimasta poco conosciuta. Infatti, sebbene il suo mercante, Daniel-Henry Kahnweiler, il lavoro scultoreo dell’artista rivelato soltanto con le retrospettive tenutesi a Parigi, Londra e New York dal 1966 al 1968.

Inoltre, le mostre al Centre Pompidou di Parigi nel 2000 e al Museum of Modern Art di New York nel 2015 hanno contribuito delineare in modo più preciso il ruolo ricoperto da Picasso in questo settore della produzione artistica. Quindi, non resta che attendere di poter assistere a questo particolare connubio tra il più grande artista futurista di tutti i tempi e l’arte classica italiana.