Liga, il Barça ne fa 3 al Levante e rimane saldamente in vetta



liga

Nella 18esima di Liga, il Barcellona non si ferma e ne rifila tre al Levante. Bene l’Atlético Madrid che vince contro il Getafe e resta a -9 dal Barça. Male il Real Madrid che pareggia e rimane a -16 dalla vetta

Liga – Lotta per il primo posto e per l’Europa

Al primo posto della Liga, come sempre, troviamo il Barcellona che, al Camp Nou, per la 18esima giornata di campionato, batte il Levante con un tondo 3-0. Il primo marcatore di giornata è il solito Lionel Messi che dopo 12 minuti porta in vantaggio i suoi. Al 38′ è “el pistolero” Suarez a siglare la rete del raddoppio blaugrana mentre, al 90′, è di Paulinho il gol che infligge il colpo di grazia agli avversari. La squadra di Valverde, con questi tre punti, rimane a +9 dalla seconda e mantiene un primato che ormai sembra sempre più difficile da intaccare.

La seconda posizione della Liga è occupata dall’Atlético Madrid che, in casa, supera il Getafe per 2-0. Ad aprire le marcature ci pensa Angel Correa dopo 18 minuti mentre a raddoppiare è Diego Costa al 68′, ritornato a vestire la maglia dell’Atlètico, club a cui il calciatore è particolarmente affezionato. L’unica nota negativa del match è l’espulsione dello stesso Diego Costa che, dopo la rete, andando ad abbracciare i tifosi, si è procurato il secondo cartellino giallo (era già stato ammonito al 62′). Con questo risultato, gli uomini di Simeone, restano a -9 dalla vetta.

Al terzo posto c’è il Valencia che torna alla vittoria battendo tra le mura amiche il Girona per 2-1. Portu segna la rete del vantaggio per gli ospiti dopo appena 8 minuti ma un gol di Ramalho al 27′ e un rigore di Parejo al 48′, regalano la vittoria alla squadra dell’attaccante italiano Simone Zazza che con questo risultato sale a 37 punti, a -2 dalla seconda.

Il quarto posto è del Real Madrid che in casa del Celta Vigo non va oltre un amaro 2-2. Dopo 33 minuti, Daniel Wass porta in vantaggio i padroni di casa ma in due minuti il Real, prima pareggia con Bale al 36′ e poi, sempre con il gallese ex Tottenham, passa in vantaggio al 38′. Nel secondo tempo, al 72′, Aspas ha l’occasione di riportare il match in parità su calcio di rigore ma Navas para salvando i suoi. Il punteggio però cambia al minuto 82′ grazie alla rete del Celta, firmata da Gomez, che fissa il risultato sul definitivo 2-2. Con questo risultato, gli uomini di Zidane, salgono a 32 punti, a -16 da un Barcellona capolista ormai lontanissimo.

Al quinto posto troviamo il Siviglia del neo allenatore italiano, Vincenzo Montella. La squadra guidata dall’ex Milan non parte per niente bene, perdendo in casa il derby contro il Betis Siviglia, con un rocambolesco 3-5. Dopo appena un minuto Fabian porta in vantaggio gli ospiti ma al 13′ Ben Yedder riporta il punteggio in parità. Al 21′ Feddal riporta il Betis in vantaggio ma il Siviglia reagisce di nuovo e pareggia i conti con il difensore ex Palermo e Roma, Kjaer. Nel secondo tempo gli ospiti siglano due reti nel giro di due minuti, prima con Durmisi al 63′ e poi con Leon al 65′ ma Lenglet riapre la partita al 67′ con il gol del momentaneo 3-4. Al 90′ però arriva la rete dell’ex Fiorentina Tello, che fissa il punteggio sul definitivo 3-5. A causa di questa sconfitta, la squadra di mister Montella, rimane a 29 punti e perde terreno nella corsa ad un posto in Champions League.

Al sesto posto c’è il Villarreal che sul proprio campo non va oltre il pareggio per 1-1 contro il Deportivo de La Coruña. Unal porta in vantaggio “il sotto marino giallo” alla mezz’ora del primo tempo ma al minuto 84, Florin Andone segna la rete del defintivo 1-1. Con questo risultato il Villarreal fallisce il sorpasso ai danni del Siviglia e rimane a -1 da quinto posto.

Zona retrocessione

Le squadre che occupano le ultime tre posizioni della Liga al momento sono l’Alaves a 15 punti, sconfitto in casa dall’Atletico Bilbao per 2-0, il Malaga a 11 punti che giocherà il posticipo serale del lunedì sera contro l’Espanyol e il Las Palmas che, nonostante gli 11 punti, a causa della differenza reti in favore degli andalusi, rimane il fanalino di coda della Liga dopo la sconfitta in casa contro l’Eibar per 1-2.

Leggi anche