10 Maggio 2022 - 19:30

LIVE | Allegri in conferenza alla vigilia della finale di Coppa Italia

Su Zon.it la diretta testuale della conferenza stampa di Max Allegri alla vigilia della sfida contro l'Inter in finale di Coppa Italia

Juventus Allegri

Tutto pronto per l’usuale conferenza di vigilia di Massimiliano Allegri: domani alle ore 21 va in scena la finale di Coppa Italia tra Juventus e Inter.

Le parole di Allegri

Sempre molto sereno alla vigilia delle partite; in questo caso, con un trofeo in ballo, sei un po’ più agitato?

“Domani sarà una bellissima serata, un Derby d’Italia. Ci vorrà pazienza, lucidità, lettura dei momenti della partita. Ma il calcio è una roba strana, magari si sblocca dopo due minuti e sarà tutta un’altra partita”

Quanti dubbi di formazione? Morata giocherà a gara in corsa?

“I sicuri sono Perin e Chiellini, per il resto vediamo domani”.

Questa finale può cambiare il giudizio sulla stagione della Juventus?

“La squadra ha iniziato male, abbiamo fatto un risultato importante, il raggiungimento della Champions. Una volta finita la stagione ci metteremo lì e giudicheremo la stagione. Magari domani vinciamo e direte che la stagione e salva; se perdiamo invece sarà un disastro”.

Quale cosa non è andata durante l’anno che più l’ha sorpresa?

“Abbiamo avuto delle difficoltà, anche degli infortuni importanti. Ero sereno che dopo aver superato il turno di Champions ci saremmo rialzati. La società ci ha aiutati a gennaio con l’acquisto di Vlahovic. Intanto domani ci dobbiamo giocare una finale, alla quale comunque devi arrivarci. Si è creata una base tra me e la società e i giocatori. Sono sereno che l’anno prossimo lotteremo per lo scudetto”.

Può diventare il primo allenatore per Coppe Italia vinte:, chi è secondo lei l’allenatore più bravo della storia del calcio italiano?

“Per i più bravi sono quelli che vincono. Ancelotti, Capello, Lippi, Sacchi, hanno fatto tutti la storia del calcio italiano. In Italia ci sono tanti bravi allenatori giovani che possono avere la possibilità di allenare una grande squadra”.

Come ha visto Vlahovic, alla sua prima finale in carriera?

“L’ho visto sereno. Ha il carattere di uno che non vuole mai perdere. Sono 3 mesi che è alla Juventus, è normale che l’anno prossimo farà meglio. I suoi numeri sono buoni, e io sono molto contento di lui. Che poi sia arrabbiato per non esser riuscito a fare gol ci può stare”.

Miretti ha chance di giocare dall’inizio?

“Intanto oltre a Miretti ho portato Nicolussi, ragazzo molto sfortunato. L’altro giorno ho visto l’Under 23 e mi sono davvero divertito”: