Marc Chagall e Bella, l’amore che rivive tra i dipinti



Marc Chagall e Bella, l’amore che rivive tra i dipinti

Un percorso attraverso le opere più note di Marc Chagall, il racconto di un grande amore per Bella, la donna che ritrasse in molti dei suoi dipinti

Marc Chagall, pittore bielorusso naturalizzato francese, d’origine ebraica chassidica, si distinse per la sua originalità nel modo di dipingere, caratterizzato  dalla presenza di  icone della tradizione ebraica in Bielorussia.  Molte delle sue opere trasmettono gioia e positività attraverso l’utilizzo di colori forti, vivaci e sgargianti.

Bella Rosenfeld
Bella Rosenfeld

Nel 1909, Marc Chagall incontrò Bella Rosenfeld, un amore a prima vista, questo per la sua futura moglie, figlia di ricchi orefici. La loro unione durò trent’anni, fino alla morte di Bella avvenuta nel 1944, a seguito di un’ infezione virale.

«Per anni il suo amore ha influenzato la mia pittura… Bella scriveva come viveva, come amava, come accoglieva gli amici. Le sue parole, le sue frasi sono una patina di colore sulla tela… Le cose comuni, le persone, i paesaggi, le feste ebraiche, i fiori – questo era il suo mondo, questi erano i suoi soggetti… Poi a un tratto, un rombo di tuono, le nuvole si aprirono alle sei di sera del 2 settembre 1944, quando Bella lasciò questo mondo. Tutto è divenuto tenebre»( Marc Chagall )

Bella aveva influenzato fortemente la sua personalità, ed il suo modo di relazionarsi con i colori che sembrano unirsi  con i suoi sentimenti, i suoi stati d’animo, come in un abbraccio.

L’amore, accompagna l’artista in tutte le sue sfaccettature, dall’amore per le sue tradizioni, all’amore fulminante, per l’adorata Bella.

«Non muoverti, resta dove sei…. Non riesco a stare ferma. Ti sei gettato sulla tela che vibra sotto la tua mano. Intingi i pennelli. Il rosso, il blu, il bianco, il nero schizzano. Mi trascini nei fiotti di colore. Di colpo mi stacchi da terra, mentre tu prendi lo slancio con un piede, come se ti sentissi troppo stretto in questa piccola stanza. Ti innalzi, ti stiri, voli fino al soffitto. La tua testa si rovescia all’indietro e fai girare la mia. Mi sfiori l’orecchio e mormori…»

Queste le parole di Bella Rosenfeld, ricordando uno dei momenti trascorsi con Marc Chagall.  Lui carismatico, lei romantica e poetica, si sconvolsero la vita a vicenda,  tanto da non poter fare a meno l’uno dell’altra.

Bella, ritratta in ogni istante felice, e ne ‘’Gli amanti in blu ‘’, tempera su carta del 1914 conservato al Museo di Stato di San Pietroburgo, l’artista coglie un momento di tenerezza con l’amata. Lei, gli tiene il viso con la mano, per strappargli un bacio affettuoso sulla guancia, loro soli e con gli occhi socchiusi, incuranti di tutto il resto. I colori intensi del blu, rimandano alla notte illuminata dal bagliore della luna, e accarezzata dalle emozioni degli amanti.

Marc Chagall
Marc Chagall

I due amandosi,  è come se avessero vissuto in un’altra dimensione, un mondo tutto loro, metaforicamente enfatizzato  da un  ‘ volo ’, come il volo degli angeli, quasi a manifestare il potere soprannaturale dell’amore.

Ne,  ‘ La Passeggiata ‘, realizzato tra il 1917 e il 1918, conservato al Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, l’artista tiene per mano sua moglie Bella, mentre vola libera per aria. Nell’altra mano è visibile un uccellino, simboleggiante l’amore che entrambi nutrivano per la natura. Una bella giornata, per fare un bel picnic, una tovaglia con una bottiglia di vino e un bicchiere tra i prati fioriti, con alle spalle la vista del loro paese adorato, con la chiesetta rosa, simbolo della spiritualizzazione dell’amore.  Un’ immensa felicità traspare dall’opera, la loro profonda unione in perfetta armonia.

Perché l’amore va vissuto quotidianamente , in tutti i piccoli eventi, ed occasioni come ne ‘’ Il compleanno ‘’, altro capolavoro del 1915, realizzato con la tecnica a olio su cartone e conservato nel Museum of Modern Art di New York. Bella, nel suo libro, racconta di come allestì la stanza con dei fiori freschi e profumati, per il compleanno del marito, ma lui la interruppe, per ritrarla. I due sono sospesi per aria, e lui assume una posizione di acrobazia quasi impossibile ed irrealistica pur di baciarla, quasi a dimostrare che avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di renderla felice. La loro realtà è perfetta, e quando l’amore è totalizzante, non si ha bisogno di nient’altro.

E’ incredibile quanto queste tele raccontino la storia di un amore così puro e devoto, molto meglio di quanto avrebbero potuto fare semplici parole, perché le emozioni si mescolano in dipinti così vividi. Niente è più reale di quell’unione sospesa nel tempo, nello spazio, perchè niente è più reale di due persone che si amano.

Leggi anche