Al MAXXI di Roma l’Africa contemporanea per tutta l’estate



africa

Due grandi progetti espositivi e un programma ricco di eventi e una sola protagonista. Il MAXXI di Roma espone l’Africa contemporanea

L’arte africana protagonista al MAXXI per tutta l’estate. Infatti, il museo romano accoglie due importanti progetti espositivi e un denso programma di eventi nel segno dell’Africa. Si tratta, in particolare, di un’iniziativa basata sull’idea della cultura come piattaforma di dialogo.

Il viaggio del MAXXI segue le linee contemporanee di una scena artistica vitale, alla scoperta di un continente diviso tra contraddizioni e vecchie ferite ancora aperte.

Le mostre

Due sono le mostre appena inaugurate. La prima è African Metropolis. Una Città immaginaria. L’esposizione sarà aperta fino al 4 novembre. In particolare, il progetto espositivo è firmato dalla curatrice italiana Elena Motisi e da Simon Njami, di origine camerunense. Inoltre, alla mostra sono presenti circa 100 opere. Si tratta di fotografie, installazioni, sculture, video e tessuti di 34 artisti che interpretano cinque azioni urbane. Ancora, queste opere vanno a comporre una grande città immaginaria in cui tutti sono abitanti pur essendo stranieri.

Dunque, alla mostra il visitatore è invitato a percorrere le strade di una città definita dalla vita di chi la abita, tra creazioni monumentali e opere dall’atmosfera intima. Inoltre, ci sono anche opere politiche, che denunciano ad esempio le conseguenze delle speculazioni su materie prime strategiche o diffondono messaggi di speranza.

La seconda mostra già attiva è Road to justice, aperta fino al 14 ottobre. Questa mostra ha la memoria come tema principale. Inoltre, questo è un tema insidioso, in Africa forse più che altrove. In particolare, l’esposizione presenta le riflessioni di nove artisti su un continente in bilico tra passato e futuro, ancora impegnato ad affrontare le conseguenze delle diverse dominazioni coloniali.

Inoltre, sono proprio passato, presente e futuro le tre sezioni che scandiscono il percorso. Dunque, in tutta la mostra si affrontano temi come la schiavitù, il capitalismo, ma anche l’abbandono sociale e lo sradicamento culturale.

Gli eventi

Infine, è previsto un fitto calendario di appuntamenti negli spazi del MAXXI per l’intera durata delle due mostre. Infatti, ci saranno incontri con noti artisti, architetti e scrittori africani; spettacoli di danza e live music; una rassegna di cinema in occasione del centenario di Nelson Mandela.

Leggi anche