15 Dicembre 2017 - 14:33

Melegatti ritira la cassa integrazione e riprende la produzione

melegatti

Ritirata la cassa integrazione in casa Melegatti. L’azienda riprende la produzione di pandori e panettoni con 5.000 pezzi

Come annunciato da rainews.it, è stata ritirata la cassa integrazione per i 70 dipendenti fissi e 250 stagionali di Melegatti. La notizia è stata data dalla Flai Cisl di Verona. Contemporaneamente, l’azienda ha annunciato la produzione di 5.000 pezzi, prevista per i prossimi due giorni.

Nel periodo natalizio, saranno sfornati altri 5.000 pandori. In seguito, nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto, nel veronese, inizierà la campagna per le colombe pasquali. Come riporta L’Arena, questo è quanto deciso ieri sera al termine del vertice tra azienda, sindacati e commissari del Tribunale. Si è deciso di produrre altri 5 mila dolci proprio per non lasciare a casa nessun operaio. Questi prodotti saranno destinati allo spaccio aziendale, dove i clienti giungono quotidianamente proprio per acquistare i prodotti Melegatti.

Laura Salvi, segretario Flai-Cgil, ha spiegato: “Il paracadute per i lavoratori sarebbe stato attivato solo per poche persone e per pochi giorni. Tenendo conto delle festività, delle ferie e dei riposi da smaltire, abbiamo trovato un’altra soluzione. Poi ha aggiunto: “Subito dopo Natale, si prevede che si cominci a lavorare sugli impianti di produzione per preparare la partenza della campagna di Pasqua. L’avvio alla produzione di colombe pasquali è, però, condizionato dall’intervento del fondo maltese Abalone.

Il fondo, infatti, dopo aver garantito i 6 milioni di euro necessari per la campagna, si è impegnato a mettere a disposizione altri 10 milioni di euro come finanziamento. Il direttore generale di Melegatti, Luca Quagini, ha spiegato che questo è un passaggio obbligato nel piano di risanamento dell’azienda. Poi ha aggiunto: “Dopo lo straordinario successo della campagna di Natale, con la corsa all’acquisto e una partecipazione molto sentita dei consumatori, speriamo che anche la campagna di Pasqua abbia un ottimo esito, grazie all’impegno di tutti: lavoratori e azienda”.