1 Dicembre 2017 - 09:18

Mindhunter: annunciata la produzione della seconda stagione

Mindhunter

Netflix ha confermato la seconda stagione di Mindhunter, la serie sui vari assassini seriali degli Stati Uniti prodotta da David Fincher

È ufficiale: la seconda stagione di Mindhunter ci sarà. Lo ha annunciato ieri Netflix, confermando anche il ritorno dei principali protagonisti. Nel cast, infatti, torneranno Jonhatan Groff, Holt McCallany, Anna Torv, Hannah Gross e Cameron Britton, che è stato nella prima stagione una grande rivelazione per la sua interpretazione del serial killer Ed Kemper.

Non si tratta in realtà di una grande sorpresa: Netflix aveva già commissionato una seconda stagione ben prima dell’uscita della prima (13 ottobre 2017). Il grande successo della serie ha poi spinto il colosso dello streaming a confermare la produzione di nuovi episodi.

Infatti, la prima stagione della serie ha ricevuto moltissime recensioni positive e Rotten Tomatoes l’ha inserita tra le serie Certified Fresh con un punteggio di ben 96%. È stata lodata dalla critica soprattutto per la sua capacità di reinterpretare il genere del crime procedurale.

Mindhunter è ispirata al saggio bestseller di Mark Olshaker e Jon E. Douglas, e racconta di casi reali di assassini che hanno scosso gli Stati Uniti, da Charles Manson a Ed Kemper.

La seconda stagione si concentrerà sulla serie di omicidi nota come Atlanta Child Murders, avvenuta tra il 1979 e il 1981, che ha visto coinvolti almeno 28 bambini, adolescenti e adulti di etnia afro-americana.

Non si sa ancora la data di uscita della serie creata da Joe Penhall e prodotta da David Fincher e Charlize Theron. Tutto fa però pensare all’autunno 2018.