Mondiali 2018: per Svizzera e Croazia due 0-0 che valgono oro

Prima Pagina Mondiali 2018: per Svizzera e Croazia due 0-0 che valgono oro

Nelle prime due partite di ritorno degli spareggi validi per i per qualificarsi ai Mondiali, sia alla Svizzera che alla Croazia basta uno 0-0 per staccare un pass per la Russia

Svizzera-Irlanda del Nord

Allo stadio al Sankt Jacob Park di Basilea, la Svizzera ospita l’Irlanda del Nord per la partita di ritorno dei playoff validi per i Mondiali. La squadra dell’ex allenatore della Lazio Petkovic, si schiera con gli stessi 11 dell’andata e parte col vantaggio di 1-0 grazie al discusso rigore concesso dal direttore di gara e trasformato dal milanista Rodriguez. L’Irlanda del Nord è chiamata ad un’impresa e l’allenatore O’Neill schiera in attacco Washington al posto di Lafferty.

- Advertisement -

Da segnalare il terreno di gioco in condizioni non ottimali. I ritmi sono alti fin dai primi minuti e dopo soli tre minuti, Brunt conclude dalla distanza scaldando le mani del portiere di casa Sommer che respinge in corner. La risposta della Svizzera non si fa attendere e due minuti dopo Seferovic, sul cross di Shaqiri, sfiora di testa il pallone mandandolo fuori. Al 29′ Zuber conclude da buona posizione ma Mc Govern è attento e devia in angolo.

I padroni di casa creano varie occasioni ma la retroguardia degli uomini di O’Neill tiene botta e il primo tempo si conclude sullo 0-0. L’Irlanda del Nord ora ha solo 45 minuti per cercare di capovolgere il risultato e al 54′ Washington si rende pericoloso con un colpo di testa che finisce di poco a lato. Al 62′ ancora Washington si affaccia dalle parti di Sommer ma la sua conclusione è debole e il portiere blocca senza problemi. Gli ospiti combattono e sfruttano anche il terreno da gioco in cattive condizioni, non congeniale al gioco della Svizzera che infatti perde vari palloni.

- Advertisement -

Al minuto 85 Seferovic potrebbe chiudere la partita ma, in area, da ottima posizione, spara alto. Nel primo dei 4 minuti di recupero, Rodriguez diventa eroe nazionale: Brunt crossa in area, Sommer esce a vuoto ed Evans va di testa a botta sicura ma non ha fatto i conti con un super Rodriguez che sulla linea salva la sua porta e il risultato. La partita si conclude sullo 0-0 e la Svizzera, nonostante una stoica Irlanda del Nord, vola ai Mondiali grazie al milanista Rodriguez, decisivo in entrambe le partite.

Grecia-Croazia

Allo stadio Georgios Karaiskakis di Atene, la Grecia ospita la Croazia per cercare di ribaltare il 4-1 subito tre giorni fa a Zagabria. Mister Skibbe, per i padroni di casa, schiera Zeca, Christodoulopoulos e Bakasetas alle spalle dell’unica punta Mitroglu mentre in difesa si rivede il romanista Manolas assente nello scorso match per squalifica. Tanta Italia per la squadra allenata da mister Dalic che schiera il milanista Kalinic e lo juventino Mandzukic in attacco e, a centrocampo, gli interisti Brozovic e Perisic con gli immancabili Rakitic e Modric, talenti puri rispettivamente di Barcellona e Real Madrid.

Il primo tempo della gara non regala particolari emozioni ed infatti sono solo due le occasioni degne di nota: al 17′ Papastathopoulos, su sponda di Torosidis ci prova di prima dal limite e sfiora il palo mentre al 42′ Perisic fa tutto da solo e dalla distanza fa partire un bolide che si stampa sul palo. I ritmi nella seconda frazione di gioco non migliorano e le emozioni continuano a scarseggiare nonostante alla Grecia servano tre gol.

- Advertisement -

Al 13′ ci prova Mitroglu a dare una svolta alla partita ma il suo tiro dal limite si spegne a lato. Al 21′ Gianniotas mette in mezzo un pallone rasoterra che Lovren rischia di buttare nella propria porta ma Subasic è attento e salva il risultato. Al 42′ gli ospiti vanno vicino al gol con un tiro a giro di Kramaric che sfiora l’incrocio. Dopo due minuti di recupero, arriva il triplice fischio del direttore di gara.

La Croazia vola ai Mondiali grazie alla partita d’andata nella quale aveva spazzato via gli avversari. La Grecia, invece, non è riuscita nemmeno ad iniziare la propria rimonta e le speranze di Manolas e compagni si fermano qui.

- Advertisement -
Avatar
Antonio Iovino
Sono nato il 7 Agosto del 1997 a Salerno, città nella quale vivo. Studio scienze della comunicazione presso l'Università degli studi di Salerno. Amo il calcio in tutte le sue sfaccettature ed è per questo che sogno di diventare un giornalista sportivo. Mi diletto a scrivere pensieri ed infatti ho una pagina su Facebook (PensieriPensanti) e una su instagram (_pensieri pensanti). Adoro, inoltre, la fotografia, mi piace molto viaggiare e quando possibile, filmare ciò che mi accade.

Covid-19

Italia
155,442
Totale di casi attivi
Updated on 22 October 2020 - 10:29 10:29