Approvata con 151 voti in Senato la mozione Segre. Il dato che lascia sconcertati è l’astensione della coalizione di centrodestra

Approvata al Senato con 151 voti la mozione Segre per l’istituzione di una commissione per la prevenzione dell’intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. Ma il dato che più lascia sconcertati è l’astensione della coalizione di centrodestra con ben 98 astenuti. Non tutta la coalizione, formata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, è stata a favore di questo comportamento.

Queste le parole di Mara Carfagna sui social: “La mia Forza Italia, la mia casa, non si sarebbe mai astenuta in un voto sull’antisemitismo. Stiamo tradendo i nostri valori e cambiando pelle. Intendo questo quando dico che nell’alleanza di centrodestra andiamo a rimorchio senza rivendicare la nostra identità. Se l’unità della coalizione in politica è un valore aggiunto, essa non può compromettere i valori veri, quelli che fanno parte della nostra storia“.

Dalle fila del centrodestra, altre voci indignate per il comportamento per l’approvazione della mozione Segre. Così anche la deputata Renata Polverini: “Sul contrasto fermo e deciso al razzismo, all’antisemitismo non ci si può astenere! Il centrodestra che dovrebbe rappresentare elettori moderati e liberali ha piegato il capo, per l’ennesima volta, ad una destra illiberale. Il mio disagio è il medesimo di tanti nostri elettori“.