No alla plastica: le balene non possono morire a causa dei rifiuti

inquinamento mare

Costa Smeralda, ritrovata una balena morta con 22 chili di plastica nello stomaco. L’allarme del WWF: “Nei mari del mondo ci sarà più plastica che pesci”

La balena spiaggiata a Cala Romantica, una delle più belle spiagge della Costa Smeralda, è morta. Nello stomaco del cetaceo sono stati ritrovati un feto e 22 chili di plastica. La prima e ultima gravidanza di questo esemplare morto probabilmente a causa dei rifiuti.

Piatti monouso, le comuni buste per la spesa, sacchi condominiali e persino l’imballaggio di un detersivo e altri numerosi rifiuti. Questi sono gli oggetti presenti nello stomaco del giovane cetaceo ritrovato in Sardegna.

La plastica, denuncia il Wwf, è uno dei peggiori nemici delle specie marine, insieme a pesca intensiva, inquinamento acustico e cambiamenti climatici. L’associazione lancia direttamente un grido:”Entro il 2050, nei mari del mondo ci sarà più plastica che pesci”. 

Numerosi sono i casi di morte di animali marini a causa dei rifiuti dalla Spagna alla Thailandia, ma il Mediterraneo rappresenta un’area trappola con livelli record di inquinamento da microplastiche che minacciano la vita marina e la salute umana. 

Nel Mediterraneo sono 134 specie vittime di ingestione di plastica, tra cui 60 specie di pesci, 3 specie di tartarughe marine e 5 specie di mammiferi marini. L’Europa è il secondo maggiore produttore di plastica dopo la Cina e riversa nel mare, ogni anno, tra le 150 e 500 mila tonnellate di macroplastiche e tra le 70 e 130 mila tonnellate di microplastiche.

Ma come possiamo agire concretamente per diminuire il consumo di plastica? Ecco qui alcuni consigli:

  1. Eliminare l’utilizzo di cannucce: chiedere un bicchiere direttamente al bar ed evitare gli ornamenti da cocktail potrebbe fare molto per il nostro ambiente.
  2. Eliminare i sacchetti della spesa: bisogna non utilizzare tutti i sacchetti di plastica e comprarne uno riutilizzabile.
  3. Rinunciare ai chewing gum: le comuni gomme da masticare non fanno bene e contengono plastica sia nel packaging sia al loro interno.
  4. Acquistare cibo sfuso: Ricordate che il pacchetto è una delle voci di spesa dell’azienda produttrice che ricarica sul compratore questo costo.
  5. Conservare i contenitori di vetro e riutilizzarli: il vetro è molto più sostenibile della plastica, si presta ad essere lavato e sterilizzato con molta facilità.
  6. Ridurre l’uso degli accendini sono dei killer per l’ambiente. Cercate di acquistare quelli ricaricabili.
  7. Eliminare bicchieri e piatti usa e getta: preferite le nuove posate in bambù a quelle classiche in carbonio: sono belle da vedere e utili.
  8. Dire No ai succhi di frutta: Al succo di frutta preferite centrifughe con frutta fresca: ne guadagnerete in quantità di antiossidanti.
  9. Evitare di comprare numerosi detersivi: ricordate che la vecchia formula bicarbonato, aceto e limone è molto più efficace.