Pizza day contro lo spot “anti-pizza” di McDonald’s

pizza
Pizza day davanti al Mcdonald's - Napoli piazza Garibaldi - Photo Pietro Avallone

Mobilitazione in favore della pizza, davanti al McDonald’s di piazza Garibaldi a Napoli, in risposta allo spot comparativo della multinazionale americana. Giobbe Covatta distribuisce pizze a portafoglio ed improvvisa sketch con Francesco Paolantoni

Napoli 18 aprile – Davanti al McDonald’s di piazza Garibaldi è andata in scena una mobilitazione in favore della pizza e del panino napoletano. Una manifestazione puramente simbolica, ma doverosa, a seguito della messa in onda, dell’ormai noto e contestato spot “comparativo” del colosso americano, che nell’intento di promuovere un suo prodotto, indirettamente scredita la pizza, emblema di Napoli e del Made in Italy.

All’evento, organizzato dai Verdi, sono intervenuti gli attori Giobbe Covatta e Francesco Paolantoni, l’Unipan di Mimmo Filosa, il pizzaiolo Gino Sorbillo, il leader nazionale dei Verdi Angelo Bonelli ed altri esponenti del mondo politico, economico e culturale napoletano.

Giobbe Covatta distribuisce ai passanti tipici panini napoletani, nonché le pizze a “portafoglio” sfornate da Gino Sorbillo e trasportate nel tipico contenitore in rame detto “stufa”. Improvvisando alcuni sketch i due comici manifestano ai presenti la loro nota simpatia. Paolantoni, addirittura, addenta un panino con friarielli e mano di Covatta, in sostituzione della mancante salsiccia.

pizza
Giobbe Covatta che mangia la pizza

La protesta odierna è stata preceduta nei giorni scorsi da tantissime polemiche, sia attraverso i media che tra gli internauti. Simpatica e ironica la risposta del popolo napoletano, confluita in un video ideato da Egidio Cerrone e diffuso via web attraverso il suo blog “Le avventure culinarie di Puok e Med”. Di tutt’altro aspetto la presa di posizione dell’AVPN (associazione verace pizza napoletana), che all’avvocato Angelo Pisani ha dato pieno mandato di intraprendere un’azione legale contro McDonald’s, volta a tutelare il marchio della pizza napoletana.

Lo spot della multinazionale è da ritenersi geniale – perché parlandone automaticamente si parla anche di Mcdonald’s – o si rivelerà un boomerang per la catena di fast food?
La pizza, candidata ufficialmente per l’ingresso nella “Lista del Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco” è ormai una realtà ben consolidata ed universale, che grazie al contributo dei pizzaioli di ultima generazione ed all’associazionismo degli stessi, è diventata un prodotto gastronomico di eccellenza. Ed a Napoli è sacra, ecco perché quello spot ha suscitato tanta indignazione tra gli addetti ai lavori.

Sfoglia la galleria fotografica – All Rights Reserved Pietro Avallone

Articolo precedenteSofficini fatti in casa, la ricetta
Prossimo articoloStrage nel Canale di Sicilia: il web risponde così
Avatar
Laureando in architettura, Flaneur e fotografo. Nel 2004 vince il concorso fotografico "Spalle al mare" indetto dalla Feltrinelli di Napoli. Al suo attivo le mostre fotografiche "Altrove che quì" (IX meeting del mare, Marina di Camerota 2005), "Scelte di vita" (Expressioni, Lacco Ameno-Ischia 2005). Partecipa ad A.GA.T.A. con 2 retrospettive di cui cura personalmente anche gli allestimenti (Camerota, 2009, 2010). Per Edizioni dell'Ippogrifo è autore delle foto dei libri "La nuova Cucina di Napoli" di F. Aiello (2013) e "Sorbillo La pizza di Napoli" di F.Aiello (2014). Nel 2014 una sua foto è pubblicata sul sito del TIME