Poké Radar: ecco le mappe per trovare i Pokémon più rari

poké radar

L’app Poké Radar permette di visualizzare i Pokémon su mappe più estese e di cercare per nome il personaggio che si vuole catturare

[ads1]

E’ scoppiata la Pokemon mania. In tutta Italia e non solo le persone sembrano completamente ammattite dalla nuova applicazione.

Avete fatto schiudere decine di uova ma ancora vi manca Lapras? La caccia al goffo Snorlax non sta dando i frutti sperati? Gli sviluppatori statunitensi Braydon Batungbacal e Nick DiVona hanno creato una applicazione che può aiutarvi a completare la vostra collezione di mostri su Pokémon Go.

Poké Radar è uno strumento da usare insieme all’applicazione Pokèmon Go, che visualizza automaticamente su una mappa le aree abitate dai Pokèmon. poké radar

L’app è in grado di poterti dare una visuale completa dei mostri che sono presenti in ogni area, indicandoti anche la tipologia. Così facendo tu sarai in grado di valutarne l’effettiva importanza.

L’app è disponibile sia per iOS che per Android ed è comprendente anche di una funzione di ricerca avanzata del Pokèmon desiderato. Hai intenzione di individuare Pikachu? Con Poké Radar potrai facilmente individuarlo. Come è possibile tutto ciò?

Poké Radar si basa infatti sulle segnalazioni provenienti dalla comunità di giocatori: a pochi giorni dal rilascio, l’app possiede un già un database importante e in costante espansione venendo aggiornato in tempo reale.

A volte però si può incorrere in errori. Infatti, poiché il programma è basato su segnalazioni volontarie e i giocatori si affidano ciecamente alla buonafede degli altri utenti. A volte le segnalazioni risultano inesatte o errate, così come l’effettiva presenza di certi tipi di Pokémon riportati.

Per circoscrivere il numero di falsi positivi, gli sviluppatori hanno ideato un sistema di valutazione: ogni sito riporta ora e data della segnalazione nonché il nome utente del segnalante. Giunti sul luogo, gli altri giocatori hanno la possibilità di votarne la correttezza. Oltre un certo numero di valutazioni negative, la segnalazione viene rimossa dal database.

Unica accortenza per i giocatori: Poké Radar è estremamente energivoro: utilizzate insieme, le due app prosciugano la batteria del telefono in breve tempo. In alternativa, è però possibile utilizzare la mappa nel browser, limitando parzialmente il consumo.

pokemon campaniRimani aggiornato su  tutte le notizie dei Pokémon iscrivendoti al gruppo Pokémon Campania su Facebook  (clicca sull’immagine).

[ads2]

Articolo precedenteCalciomercato, il punto
Prossimo articoloGuida Rio 2016, ecco tutti i numeri della manifestazione
Danilo Iammancino
Ideatore della testata giornalistica in questione con Zerottonove ho portato a termine uno dei miei principali obiettivi professionali. Giornalista Pubblicista, laureato in Scienze della Comunicazione, con specializzazione magistrale in Comunicazione d’impresa e Pubblica. Sin dagli inizi della mia carriera universitaria ho spinto fortemente nel diventare un professionista della comunicazione. La mia Mission? Creare una testata giornalistica che dia spazio a giovani determinati e che sia un trampolino di lancio per nuovi talenti che vogliano imparare con passione e sacrificio le mille sfaccettature di questa professione.