“Puoi baciare lo sposo”, la nuova commedia con Diego Abatantuono



Diego Abatantuono
imm. dal profilo Facebook ufficiale Diego Abatantuono

Diego Abatantuono torna al cinema con una nuova commedia che affronta il tema delle unioni civili: “Puoi baciare lo sposo”. Il film sarà disponibile nelle sale da oggi, Giovedì 1 Marzo

“Puoi baciare lo sposo” è il nuovo film di Alessandro Genovesi, con Diego Abatantuono. La pellicola affronta il tema delle unioni civili, ed è ispirato dal dal musical di Anthony Wilkinson e David James Boyd “My Big Gay Italian Wedding”.

Il film parte da Berlino, dove Antonio (Cristiano Caccamo) trova l’amore della sua vita, Paolo (Salvatore Esposito); dopo una tenera dichiarazione d’amore, Antonio chiede a Paolo di sposarlo. Tutto fila liscio come l’olio, fin quando arriva il momento di presentarsi alle famiglie.

Le immagini, dalla capitale tedesca, si spostano a Civita di Bagnoregio, dove vivono i genitori di Antonio: il padre Roberto (Diego Abatantuono), il sindaco progressista della città, e la madre Anna (Monica Guerritore). Alla giovane coppia di sposi, si aggiungono due amici: la loro bizzarra amica Benedetta (Diana Del Bufalo) e il nuovo coinquilino Donato (Dino Abbrescia).

Anna, la madre di Antonio, appare subito favorevole al matrimonio, a patto che vengano rispettate le tradizioni: alle nozze dovrà partecipare la futura suocera, bisognerà invitare tutto il paese ed Enzo Miccio dovrà occuparsi dell’organizzazione. Il padre, al contrario, rimane scioccato e rifiuta di celebrare il matrimonio.

A peggiorare le cose sopraggiungo altri due personaggi: la madre di Paolo, Vincenza (Rosaria D’Urso), la quale non vuole più parlare con il proprio figlio; e l’ex fidanzata di Antonio, che vuole riportarlo sulla via dell’eterosessualità.

Alla fine, Antonio e Paolo riusciranno i due innamorati a sposarsi? E soprattutto, Roberto sarà favorevole alle nozze tra i due ragazzi ?

Leggi anche