Coronavirus Texas

La patologia che preoccupa i pediatri di tutto il mondo si chiama PIMS. Si tratta una rara malattia che ha colpito quasi 100 bambini a settimana nel Regno Unito tanto da richiederne il ricovero in terapia intensiva

Fino a 100 bambini a settimana nel Regno Unito vengono ricoverati in ospedale con una malattia rara che può emergere settimane dopo il Covid-19, lasciandoli in terapia intensiva, hanno detto i medici. In un fenomeno che preoccupa i pediatri di tutto il mondo, il 75% dei bambini più colpiti dalla sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (PIMS) erano neri, asiatici o minoranze etniche (BAME). Quasi quattro bambini su cinque erano in precedenza sani, secondo un’istantanea dei casi non pubblicata.

Stando a quanto riferisce il The Guardian, la PIMS è una condizione molto rara, di possibile associazione con SARS-CoV-2, i cui sintomi devono essere prontamente riconosciuti per avviare una terapia di supporto. Quelli che ne vengono colpiti presentano sintomi simili a quelli della malattia di Kawasaki (febbre persistente e interessamento cardiaco) altri che invece si differenziano da questa. Frequentemente i bambini riferiscono dolore addominale e altri sintomi gastroenterici (50-60% dei casi) oltre a congiuntivite, rash, irritabilità e, in alcuni casi, shock cardiogeno.

A causa dell’aumento dei contagi da Covid-19 nel Regno Unito negli ospedali sono stati ammessi fino a 100 bambini alla settimana con PIMS, mentre nel corso della prima ondata erano circa un terzo. A tal proposito la dottoressa Liz Whittaker, portavoce del Royal College of Paediatrics and Child Health, ha dichiarato: “Stiamo facendo ricerche per capire perché questa popolazione è colpita. La genetica può giocare un ruolo importante, ma temiamo che anche la povertà possa giocare un ruolo decisivo”.