25 Novembre 2021 - 15:42

“Rimmel”: testo e significato della canzone di Francesco De Gregori

X Factor

Rimmel”: testo e significato della canzone di Francesco De Gregori. Romanticismo e malinconia in un unico brano

In occasione del quinto live di X Factor 2021, Emma ha assegnato a Gianmaria Volpato, in arte gIANMARIA,

“Rimmel” di Francesco De Gregori.

La canzone ed il suo significato

Rimmel, già dalle prime note, presenta tutt’altra struttura rispetto ai dischi precedenti: dolce, speziata, sapientemente country, caratterizzata da una meravigliosa introduzione di pianoforte ed un verso che resta impresso nella mente:

“E qualcosa rimane/Fra le pagine chiare e le pagine scure”.

Il brano inizia proprio con una storia già finita, con una congiunzione che scardina l’anima ed il cuore, con degli occhi pregni di ricordi e di cose passate e prosegue così, con la sua superba e delicatissima malinconia:

“Ora le tue labbra puoi spedirle ad un indirizzo nuovo/E la mia faccia sovrapporla a quella di chissà chi altro…”.

L’artista costella la canzone di immagini, di segni che affiorano, di frammenti d’amore. Non si conosce nulla dei protagonisti e di quello che è successo tra di loro: li si immagina, li si raffigura, nella propria testa e nei propri battiti, di sfuggita.

De Gregori, a tal proposito, afferma:

“Bisogna mettersi nei panni di uno che aveva ventitré, ventiquattro anni. La vita di un ragazzo di quell’età è quanto mai gioiosa, piene di domande e risposte. Adesso chiedersi chi ha lasciato chi è difficile. Posso dire diplomaticamente che non ha importanza. Ma in quella canzone non c’è una sola figura femminile. Può essere difficile da credere, ma è un insieme di situazioni, di storie, di sentimenti, di smarrimenti”.

Rimmel è stata scritta nell’estate del 1974. Prima le strofe, una sera in un albergo, con la tv accesa e l’audio spento. Poi, dopo qualche settimana, l’inciso.

In ogni strofa è presente il tema delle carte-quelle dello zingaro, poi i quattro assi, poi quel “come quando fuori pioveva” – e quindi la canzone parla anche di destino, di gioco, di sfide. E parla di un trucco malizioso ed estremamente affascinate: il rimmel, segreto femminile e misteriosa dolcezza che ogni donna ama adoperare teneramente.

Tutta la femminilità più pura e maestosa è contenuta e sapientemente ricamata in questi versi:

“Santa voglia di vivere

E dolce Venere di Rimmel

Come quando fuori pioveva e tu mi domandavi

Se per caso avevo ancora quella foto

In cui tu sorridevi e non guardavi…”

Ecco, di seguito, il testo della canzone:

E qualcosa rimane

Fra le pagine chiare e le pagine scure

E cancello il tuo nome dalla mia facciata

E confondo i miei alibi e le tue ragioni

I miei alibi e le tue ragioni

Chi mi ha fatto le carte

Mi ha chiamato vincente, ma uno zingaro è un trucco

E un futuro invadente, fossi stato un po′ più giovane

L’avrei distrutto con la fantasia

L′avrei stracciato con la fantasia

Ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo

E la mia faccia sovrapporla a quella di chissà chi altro, oh

Ancora i tuoi quattro assi, bada bene, di un colore solo

Li puoi nascondere o giocare come vuoi

O farli rimanere buoni amici come noi

Santa voglia di vivere

E dolce Venere di Rimmel

Come quando fuori pioveva e tu mi domandavi

Se per caso avevo ancora quella foto

In cui tu sorridevi e non guardavi

Ed il vento passava

Sul tuo collo di pelliccia e sulla tua persona

E quando io, senza capire, ho detto sì

Hai detto “È tutto quel che hai di me”

È tutto quel che ho di te

Ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo

E la mia faccia sovrapporla a quella di chissà chi altro, oh

Ancora i tuoi quattro assi, bada bene, di un colore solo

Li puoi nascondere o giocare con chi vuoi

O farli rimanere buoni amici come noi