Rugby, nuove regole in arrivo. Gli allenatori: “Sarà più spettacolare”

SportRugby, nuove regole in arrivo. Gli allenatori: "Sarà più spettacolare"

La nuova gestione federale porta nuove idee politiche e tecniche. Dalla prova tv al drop: ecco come cambia il rugby a livello internazionale

Per il rugby è tempo di cambiamento. La nuova gestione federale che si è insiediata in Italia porta con sè novità sia dal punto di vista politco sia sul fronte tecnico. Infatti mentre le due franchigie, Zebre e Treviso, nelle prossime ore debutteranno nella prima Raimbow Cup, e saranno le prime a sperimentare le nuove regole, si lavora per far in modo che il nuovo regolamento internazionale sia operativo dalla prossima stagione.

Regolamento del rugby internazionale che potrebbe infatti subire grandi modifiche che andrebbero incontro richieste di cambiamento più volte espresse da giocatori e allenatori. Nuove regole che riguardano per esempio i cartellini rossi: con la squadra rimasta in inferiorità numerica, che può ripristinare la parità dopo 20’, inserendo un giocatore diverso dall’espulso. Secondo Michael Bradley infatti questa scelta offre la possibilità di non condizionare il corso di una partita con un singolo episodio di gioco.

Novità anche quella del drop di ripartenza dalla linea di meta: infatti nelle situazioni da cui ora si riparte con una mischia a 5 metri per la squadra in difesa, si riprenderà invece con un drop dalla linea di meta (o dietro). Kieran Crowley commenta così la scelta: “Questa regola è già utilizzata nel rugby XIII: restituisce la palla alla squadra in attacco, creando maggiori opportunità di gioco aperto, piuttosto che proporre una nuova mischia”.

Infine, forse il più atteso cambiamento nel rugby è l’introduzione del Captain’s challenge. Una sorta di prova tv modello basket o volley, dove ogni squadra, una volta a partita, può chiedere al Tmo la revisione di una specifica azione. Nei primi 75’ per gioco pericoloso o per fasi precedenti una meta. Negli ultimi 5’ anche per tutte le altre circostanze. Se la richiesta si rivela corretta, la possibilità di chiamare il Challenge sarà conservata. Altrimenti, persa.

Covid-19

Italia
106,559
Totale di casi attivi
Updated on 23 September 2021 - 02:06 02:06