Salmo e la nuova fiction Sky: titolo provvisorio Blocco 181



Salmo Sky
Instgram

Arriva la nuova fiction Sky con attore Salmo che avrà come titolo provvisorio Blocco 181: il rapper si reinventa produttore creativo

Da rapper ad attore e produttore Sky: il rapper Salmo si reinventa per Blocco 181.

Ecco il titolo provvisorio della nuova fiction che lo ha distolto dalla partecipazione al programma e talent show X Factor. Salmo diviene così produttore creativo, supervisore e produttore musicale del progetto, oltre che diventare vero e proprio attore e rientrare nel ruolo del cast.

Siamo felici di dare il benvenuto a Salmo nel mondo Sky. Un artista che ha saputo conquistare l’attenzione del grande pubblico facendo della sua musica uno sguardo costante sulle emozioni del mondo contemporaneo. E su questa base nasce una collaborazione in cui sarà centrale la contaminazione dei linguaggi, elemento strategico per Sky che Salmo, artista che ha fatto della commistione fra generi la sua cifra stilistica, incarna perfettamente. Questa serie è dunque un progetto che nasce diverso già sulla carta e sarà influenzato dall’incontro di universi che si sovrappongono e si contaminano a vicenda: la moderna narrazione seriale di genere, la musica ed il mondo della comunità multietniche che popolano le aggregazioni urbane più estese. Guardiamo poi, per la prima volta, alla Milano di oggi e in particolare a quella periferia in cui è possibile scorgere l’intero mondo globalizzato. Ci sembra un tema estremamente attuale, interessante e complesso, e che non vediamo l’ora di raccontare”- ha dichiarato Nicola Maccanico.

L’Executive Vice President Programming Sky. Blocco 181, infatti, sarà ambientata nella periferia di Milano, tra le comunità multietniche, e racconterà una storia di amore, conflitti generazionali, emancipazione femminile e, soprattutto, di lotta per la conquista del potere. Le riprese inizieranno nel 2021.

Salmo commenta così in maniera entusiasta la serie:

“Ho sempre vissuto la musica come un tentativo per andare oltre: oltre i confini tra generi, oltre gli stereotipi, oltre anche la musica stessa, che per me non è solo testo, note e flow, ma nasce già con dentro le immagini. Da tempo volevo sperimentare la mia creatività in un territorio diverso e sono orgoglioso e impaziente di partire con questa nuova produzione originale di Sky Studios, con cui condividiamo obiettivi innovativi e coraggiosi. Con questa serie vorrei continuare ad andare oltre, anche nel racconto della periferia, mostrandola per ciò che è e che mi ha sempre affascinato, un mondo stratificato in cui c’è già tutto: caos, vitalità, potere, debolezze, conflitti, passione. Da tutto questo nascono ricchezza ed energia, che sono anche gli elementi che serviranno a questa storia per andare oltre”.

Leggi anche