30 Novembre 2021 - 12:53

Samuel Peron: da vittima di bullismo a Ballando con le stelle

Samuel Peron

Samuel Peron racconta il suo passato difficile: “Mi insultavano perché mi piaceva ballare. Mi chiamavano fr***o. Ora sono finalmente felice”

BULLISMO: LA STORIA DI SAMUEL PERON- Samuel Peron è un famoso ballerino. Già da diversi anni protagonista a “Ballando con le stelle” di Milly Carlucci, il coreografo ha però raccontato di aver vissuto un passato difficile. A scuola infatti, un giovanissimo Samuel era finito nel mirino dei compagni, che lo insultavano con epiteti non molto eleganti, prendendolo in giro per la sua passione per la danza. A raccotarlo è stato proprio lui.

Ecco le parole di Samuel Peron, riportate anche dai colleghi di “quotidiano.net“: “Sì, anch’io sono stato vittima dei bulli. Abitavo a Marostica dove sono nato, allora un paesetto vicentino di diecimila persone, famoso per la partita a scacchi viventi e poco più. Ero un bambino molto timido. Preso di mira dai compagni di scuola perché amavo la danza: mi chiamavano ricchione, frocio. A quell’età la cattiveria è una ferita che ti resta dentro. Volevo smettere di studiare, i miei mi hanno convinto: tieni duro, ragiona, alla fine vincerai tu. C’è voluto tempo per uscire dalla trappola”.

Oggi Samuel Peron è nel pieno della sua carriera, è un ballerino affermato e ha sconfitto le ferite causate dai bulli. Un ruolo chiave, anche in questo caso l’ha avuto la famiglia, che l’ha sempre supportato, incitandolo a dare il meglio per zittire chi lo insultava. Dal bullismo subito a scuola, ad appena 8 anni, a Ballando con le stelle: oggi Samuel danza, fa ciò che gli piace e lo fa benissimo. Siate come lui, non badate ai giudizi altrui. E anche le famiglie: ascoltate i vostri figli, supportateli. Solo così il bullismo potrà essere vinto.

Resta sempre aggiornato sulle ultime news. Seguici anche su Facebook. Lascia un mi piace qui.

Leggi anche: “La Regione Lazio istituisce un premio in memoria di Willy Monteiro Duarte. Devid Porrello: “Spero che tragedie come questa non si ripetano””. Clicca qui.