9 Dicembre 2021 - 17:37

Scarsità di orologi: cosa sta succedendo alla Rolex?

rolex

Se da una parte i mercati sono ancora deboli per via della crisi innescata dalla pandemia, dall’altra c’é una strategia speculativa in atto da parte dei collezionisti di beni di lusso, come i Rolex

Ultimamente le richieste dei Rolex sono notevolmente esplose e ciò anche a causa di un’offerta sempre più limitata nel tempo. Il rallentamento della produzione nel 2020 dovuto al covid ha, poi, assestato il colpo finale: per potere ottenere i modelli più popolari, come il Daytona o il Submariner, devi metterti in lista d’attesa per diversi anni.

Infatti, tutto ciò porta all’inesorabile rialzo di prezzo dei Rolex usati, che in quest’ultimo periodo sono addirittura triplicati. La domanda proviene principalmente dalla classe media cinese, che vede i marchi di orologi di lusso occidentali come simboli essenziali di lusso.

Secondo gli analisti, la Rolex ha registrato il suo calo durante il Baselworld 2016, con una strozzatura dei prezzi dei loro prodotti e con l’arrivo del Daytona 116500LN, subito ricercato ed esaurito presso i dealer ufficiali. Il successo di questo modello ha avuto un effetto positivo anche sui modelli Submariner, Explorer, SeaDweller e GMTMaster II.

Molti sostengono che la colpa sia da attribuire non solo agli speculatori, ma anche agli influencer di instagram e, addirittura, alla stessa Maison Rolex, messa sul banco degli imputati con l’accusa di aver creato (di proposito) una scarsità artificiale del prodotto, anche se l’azienda è rimasta chiusa per un lungo periodo a causa della Pandemia.

Le parole della Rolex

La Maison ha deciso di rompere il silenzio mettendo a tacere le dicerie che giravano sul suo conto, con questa dichiarazione:

“La scarsità dei nostri prodotti non è una strategia. La nostra attuale produzione non può soddisfare la domanda esistente in modo esauriente, almeno non senza ridurre la qualità dei nostri orologi, cosa che ci rifiutiamo di fare perché la qualità dei nostri prodotti deve mai essere compromessi. Questo livello di eccellenza richiede tempo e, come abbiamo sempre fatto, continueremo a prenderci il tempo necessario per garantire che tutti i nostri orologi non solo siano conformi ai nostri standard di eccellenza, ma soddisfino anche le aspettative dei nostri clienti in termini di qualità, affidabilità e robustezza. […] Da segnalare, infine, che gli orologi Rolex sono disponibili esclusivamente presso i rivenditori ufficiali, che gestiscono autonomamente l’assegnazione degli orologi ai clienti”.

In sintesi, la qualità è molto più importante della quantità. È giusto, dunque, considerare la Rolex per quello che è, non un’azienda di orologi, ma una vera e propria manifattura, composta da tantissime maestranze che studiano, ricercano e sviluppano l’eccellenza in grado di soddisfare tutti gli appassionati del settore.

Speriamo (e noi ne siamo sicuri) che questa crisi che colpisce tutti i settori è solo temporanea. Gli obiettivi di qualità, di professionalità e di serietà, invece, resteranno per sempre e questo rende la Rolex un modello di sicurezza e stabilità.