Shirin Neshat tra le Donne senza uomini



shirin neshat

Donne senza uomini di Shirin Neshat è una nuova visione della donna, del cinema, dell’arte e della ribellione culturale

Donne e uomini sono il contrappunto, il conflitto, la guerra.

L’artista iraniana Shirin Neshat ha un’idea precisa, culturalmente e politicamente consapevole, che s’iscrive nel suo sguardo da regista.

Donne senza uomini è il suo primo lungometraggio, Leone d’Oro al Festival di Venezia; colpisce per la nuova estetica, rivoluzionaria e complessa, rispetto al ‘fare’ cinema “comune” in Medio Oriente.

shirin neshat
Scena tratta da Donne senza uomini di Shirin Neshat

Il cinema di Shirin Neshat non si “esaurisce” nella proiezione sul grande schermo, o meglio su metri di celluloide.

Invade nuovi contesti in cui creare una certa sinergia con lo spettatore che diventa così fruitore-attore, attraverso un lavoro di sottrazione dal linguaggio cinematografico per arrivare al quadro, sotto forma d’installazione videoartistica. Ma andiamo con ordine.

Donne senza uomini non è un film da guardare, ma è un’immersione, una decodificazione di simboli, un percorso interiore nei silenzi delle donne, una catarsi politica e culturale nella ribellione di Munis (Shabnam Toloui).

Fakhri, una donna di mezza età intrappolata in un matrimonio senza amore, deve fare i conti con i sentimenti che prova nei confronti di una vecchia fiamma che, di ritorno dall’America, è rientrata nella sua vita. Zarin, una giovane prostituta, cerca di fuggire quando si rende tragicamente conto che non riesce più a vedere i volti degli uomini. Munis, una giovane donna con una coscienza politica, deve resistere all’isolamento che le impone il fratello religioso tradizionalista, mentre l’amica Faezeh resta incurante dei disordini nelle strade e sogna soltanto di sposare il dispotico fratello di Munis.

shirin neshat Il giardino, tema ricorrente nei dialoghi e nelle aspirazioni, successivamente è lo scenario, il contesto in cui le quattro donne si ritrovano per liberarsi dal dolore e dalla sottomissione. 

È trascendenza, indipendenza, evasione, esilio e fuga. 

Le quattro protagoniste, infatti, ritornano a sorridere quando occupano, in senso fisico e metaforico, il giardino per suscitare in sé un senso di una vita rinnovata, coccolandosi tra simili.

Per Shirin Neshat la contrapposizione tra uomo e donna, cultura maschile e cultura femminile, è il vertice verso cui tende continuamente a condurre ogni sua operazione artistica. Il linguaggio che procede per dialettica è probabilmente tra i più chiari, ed elementari, me per l’artista diviene ‘poetica’.

I colori, le inquadrature e le angolazioni, il tono delle voci, la caratterizzazione: così Neshat costruisce il suo discorso sul mondo iraniano, fondato sulla dicotomia uomo/donna, che emerge e riaffiora attraverso un rigore estetico inusuale, eppure intuitivo.

Donne senza uomini viaggia tra film e installazione, la cui essenza si respira tra il passaggio dai due diversi linguaggi: il cinema e la video arte.

shirin neshat
Installazione di Donne senza uomini di Shirin Neshat

Shirin Neshat, da sempre impegnata nell’arte contemporanea, compie un percorso complesso: dal libro di Shahrnush Parsipur ne trae la narrazione, che deve coniugarsi con il suo senso iconico dell’immagine per riformularla con un ritmo e una linearità psicologica. Dallo schermo, l’artista deve ri-proiettare il suo film in tanti schermi diversi, estrapolandone il senso evocativo, attraverso immagini tanto autonome quanto in sinergia tra loro, costruendo un percorso sensoriale e ontologico in fieri con l’andamento del fruitore.

Le donne sono sculture, malleabili e vitali, che comunicano con chi le sta esperendo attraverso il colore, lo sguardo, il dettaglio. Sono idee che si rincorrono tra loro; dalla loro somma, si ritorna al vertice a cui aspira Shirin Neshat.

Uomo e donna, in Medio Oriente, sono due entità divergenti e contrapposte. Il conflitto è il loro punto d’incontro, in cui si crea la fenomenologia filosofica, culturale, politica, sociale e psicologica che costruisce l’immagine dell’Iran.

Nell’installazione ogni schermo racchiude un’essenza. 

Primo schermo: uomini inginocchiati, con mani e faccia a terra, raccolti in preghiera; li guarda una statuaria salma avvolta in una coltre azzurra.

Secondo schermo: fermo immagine che inquadra il corpo magrissimo della donna, prima seduto immobile sul letto, poi, riverso in posizione supina e mosso su e giù in un amplesso anestetico.

Terzo schermo: il primo piano del volto segnato dalla follia di Mahdokht ci racconta un’esistenza terrorizzata di perdere la propria verginità e, allo stesso tempo, ossessionata dall’idea della maternità.

Quarto schermo: una donna velata di nero si trova immobile; è Munis, che si sta appassionando alle vicende del suo paese sconvolto da un colpo di stato del 1953. 

shirin neshat
Shirin Neshat tra le Donne senza uomini

Il giardino, anche nell’installazione, occupa un ruolo centrale. Nel film, costituisce un mondo edenico con cui fondersi: Mahdokht si pianta nel terreno per conservare la sua verginità, ma generando i frutti.

In un’osmosi con la natura, vestita di bianco, fluttua sull’acqua come un cadavere: chiara citazione di Ofelia del quadro di Millais.

Il lavoro e l’espressione artistica compiuto e messo a punto da Shirin Neshat svelano una visione introspettiva del Medio Oriente, che si nutre di paradossi e conflitti, per aggiungere quel valore in più, quel movimento “regressivo”, ad una società statica e, alle radici, infondata.

Leggi la prima parte dedicata all’artista QUI

Leggi anche