10 Settembre 2018 - 13:02

Svezia, l’estrema destra avanza, i socialdemocratici il primo partito

Svezia

In Svezia, il partito di estrema destra Svedesi Democratici aumenta del 4,7% rispetto al 2014. I socialdemocratici restano il primo partito

Le aspettative trionfali della vigilia non sono state raggiunte. Ma, anche in Svezia, la destra radicale compie un consistente balzo in avanti. Il partito anti-immigrati degli Svedesi Democratici raggiunge il 17,7%, registrando un +4,7% rispetto a quattro anni fa.

Il primo partito, nonostante tutto, resta quello dei Socialdemocratici con il 28,3%, temperando la debacle che gli assegnavano i primi exit poll. Subito dietro ci sono i moderati, con il 19,7%. Ciò che appare evidente, però, è proprio il balzo dei partiti più radicali. Infatti, anche gli ex comunisti, Sinistra, hanno raddoppiato il loro ultimo risultato e si sono aggiudicati l’8,1%.

Al momento, il futuro del Governo di Stoccolma è ancora un enigma. Il blocco di centrodestra e centrosinistra si trovano bloccati del tutto, e per sbloccare la situazione non si esclude un eventuale accordo proprio con gli estremisti.

Una cosa è certa, nessuno ha una maggioranza, quindi è naturale iniziare una collaborazione tra i partiti.” ha detto il leader dei socialdemocratici. La Svezia, dunque, sta subendo l’influenza delle tendenze delle maggiori democrazie europee.