terremoto, indonesia
pixabay

Forte scossa di terremoto questa mattina nella zona dei Campi Flegrei. L’evento dalla magnitudo bassa, di soli 2.6, è stato però distintamente avvertito a causa della bassa profondità

Un terremoto di magnitudo 2.6 è stato avvertito questa mattina in Campania, nella zone dei Campi Flegrei. Il sisma è stato segnalato ai vigili del fuoco da diversi residenti a Pozzuoli e nel quartiere di Agnano. La scossa infatti, seppur di bassa intensità si è verificata a soli due chilometri di profondità.

Potrebbe interessarti:

Sisma tra Pozzuoli ed Agnano

Una scossa di terremoto è stata avvertita questa mattina in provincia di Napoli, intorno alle 9,00 del 28 dicembre 2020. L’area interessata è ancora una volta quella dei Campi Flegrei e nello specifico, la terra ha tremato tra Pozzuoli ed Agnano. L’Osservatorio Vesuviano dell’Ingv ha invece registrato un altro terremoto nella notte proprio nella stessa area (magnitudo 1.2).

L’epicentro è stato localizzato dall’Osservatorio Vesuviano nell’area della Solfatara a una profondità di 2 km. Nella stessa area è stato localizzato l’epicentro delle scosse registrate il 23 dicembre alle 2.59, magnitudo 1.4, e alle 22.54 del 19 dicembre, sequenza ravvicinata di due terremoti di magnitudo.

Il rischio Solfatara

Nella settimana tra il 14 e il 20 dicembre nell’area si sono registrate 96 scosse di terremoto, compresi tra lo 0.3 e il 2.7 di magnitudo. Frequenze che nella maggior parte dei casi non provocano danni a cose o persone, ma innescano paura. Un dato allarmante che rende i Campi Flegrei una zona da tenere monitorata. Il motivo è la netta vicinanza con il vulcano Solfatara in piena attività e che rende il territorio circostante soggetto a bradisismo.

Quella dei Campi Flegrei è una zona vulcanica altamente sismica, interessata dal fenomeno del bradisismo: periodico abbassamento o innalzamento del livello del suolo. L’ultimo report dell’Ingv, nei Campi Flegrei si riferisce allo scorso 20 dicembre, giornata in cui si sono registrati ben 5 eventi sismici. I dati illustrati dal rapporto evidenziano una situazione di criticità che attanaglia un territorio tanto affascinante quanto pericoloso.

Letture Consigliate