Test, quanto siete mediterranei?



test

Test dieta mediterranea, facendo seguito al mio primo articolo, tutti alla prova con questo test!

La dieta mediterranea è un vero e proprio stile di vita che aiuta l’organismo a mantenersi in salute. Essa rappresenta un patrimonio della nostra cultura e ed è oggi patrimonio dell’umanità, ritenuta da molti esperti del settore la migliore delle diete.

Ecco un semplice test che può aiutare a valutare la nostra dieta e quindi le nostre abitudini alimentari. Se le affermazioni di seguito elencate corrispondono ad abitudini reali, eseguire l’operazione corrispondente (+1 oppure -1). Il punteggio finale così ottenuto, corrisponderà ad un determinato profilo riportato.

Salti la prima colazione -1
Fai colazione con latte o derivati +1
Consumi regolarmente croissant o brioche per colazione -1
Consumi pane, biscotti, fette biscottate o altri cereali a colazione +1
Consumi frutta o succhi di frutta ogni giorno +1
Mangi frutta più volte al giorno +1
Mangi verdure e/o ortaggi tutti i giorni +1
Mangi verdure e/o ortaggi più di una volta al giorno +1
Mangi regolarmente pesce almeno 2 o 3 volte a settimana +1
Consumi più di 4 uova a settimana -1
Mangi in un fast-food almeno una volta a settimana -1
Mangi legumi più di una volta a settimana +1
Mangi pasta o riso quasi tutti i giorni (almeno 5 porzioni a settimana) +1
Mangi noci, nocciole o mandorle un paio di volte a settimana +1
Condisci con olio di oliva +1
Se bevi bevande alcoliche, bevi più di 3 unità alcoliche al giorno (2 se sei femmina) -1
Il tuo consumo di carne è inferiore a 100g al giorno +1

 

RISULTATI:

  • Se il punteggio è compreso tra 10 e 12: Complimenti! La dieta è nel rispetto delle tradizioni mediterranee. Attraverso questo test non si può certo valutare se le calorie assunte quotidianamente siano giuste o sbagliate, ma si può affermare che sicuramente rispettano la tradizione della dieta mediterranea.
  • Se il punteggio è compreso tra 9 e 7: basta un’aggiustatina per migliorare le abitudini che sono un po’ al di fuori della dieta mediterranea. Magari, per esempio, consumando più frutta e verdura.
  • Se il punteggio è inferiore a 7: è necessario prestare più attenzione a ciò che si mangia, perché si segue un’alimentazione che potrebbe mettere a rischio la salute.

 

raffaella-sica

Leggi anche



Articolo precedenteL’abbraccio del Vaticano
Prossimo articoloAborto, per Strasburgo l’Italia “Viola il diritto alla salute”
Avatar
Svolge attività di Biologa Nutrizionista. Consegue l’abilitazione all’esercizio della professione nel 2011 e si iscrivo all'ONB (Ordine Nazionale dei Biologi). Laureata in Biologia (curriculum Nutrizione) nel 2011 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Si perfeziona in “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” nel 2011. Nel 2015 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia Avanzata presso la stessa università. L'attività di ricerca svolta dal 2009 è oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e di diverse comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. Fornisce supporto didattico teorico-pratico durante il Corso di Organo adiposo e Regolazione del peso corporeo e durante il Corso di perfezionamento annuale in: “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” (Dipartimento delle Scienze Biologiche, Sezione Fisiologia e Igiene dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II"), con seminari introduttivi ed esercitazioni pratiche relative alla valutazione dello stato nutrizionale e della massa grassa mediante l'utilizzo dell'antropometria (standardizzazione di peso, altezza, circonferenze), plicometria, impedenziometria. Arricchisce continuamente la sua formazione con corsi e seminari specifici sulla Nutrizione fisiologica e patologica nelle sue varie forme.