Thermos contaminati dal piombo: società americana lancia l’allarme

piombo

Borracce al piombo per bambini: la società americana LLBean annuncia il richiamo di thermos contaminati. I test dimostrano che è stata utilizzata saldatura al piombo

project adv

La società americana LLBean, azienda leader nel mondo nel settore della vendita online di abbigliamento e attrezzatura outdoor, ha annunciato il richiamo di un modello di Thermos per bambino a causa di una potenziale preoccupazione per la contaminazione da piombo. La Consumer Product Safety Commission (CPSC) degli Sati Uniti, ha spiegato che le bottiglie sono state importate dalla GSI dall’estero (Cina) e vendute negli USA con il marchio LL Bean, attraverso la rete dei negozi, via internet o tramite catalogo, a partire da luglio 2015 fino maggio di quest’anno.

Nel sito delle vendite LLBean, le bottiglie termiche sono state inviate anche in Italia. Le bottiglie sono riconoscibili tramite cinque stampe di etichette adesive personalizzate: squalo, scheletro di dinosauro, maschere, fiori e farfalle. Il rivenditore, con sede nel Maine, aveva assicurato che i thermos non erano di piombo, ma i test di routine hanno scoperto che la saldatura per sigillare la parte inferiore di alcune delle bottiglie è stata effettuata con il piombo.

Oggi un portavoce della LLBean ha comunicato che l’azienda sta procedendo ad un richiamo volontario dei thermos come misura preventiva. I consumatori dovrebbero smettere di usare i thermos e restituirli per essere rimborsati. La Consumer Product Safety Commission ha confermato che la saldatura utilizzata sulla base esterna del flacone contiene alti livelli di piombo, prodotto tossico che, se ingerita dai bambini può causare problemi di salute.

Video del giorno