vaccino astrazeneca
immagine da pixabay

In arrivo in Italia il vaccino monodose Johnson&Johnson. Secondo le prime indiscrezioni il vaccino arriverà in Italia entro il 16 aprile 2021

Durante l’inaugurazione del primo hub vaccinale alla fiera di Genova, il Presidente della Consiglio regionale della Liguria, Gianmarco Medusei, ha rivelato che in seguito ad un incontro con il Commissario all’emergenza sanitaria, Francesco Paolo Figliuolo, il vaccino della casa farmaceutica multinazionale statunitense Johnson&Johnson potrebbe essere in Italia entro il 16 aprile 2021 ed inaugurare una nuova campagna vaccinale.

Potrebbe interessarti:

La particolarità di questo vaccino, lo ricordiamo consiste nella somministrazione “one-shot” che potrebbe agevolare di gran lunga il raggiungimento dell’immunità di gregge. Infatti, solo grazie a quest’ultima, sarà poi possibile ritornare ad una fase di normalità ed auspicare la riapertura e la ripresa delle attività economiche.

Il secondo siero statunitense contro la lotta al coronavirus è stato sperimentato in uno studio di terza fase, un trial randomizzato che ha permesso di sperimentare il vaccino in 8 paesi distribuiti su tre continenti, dove io 34% delle persone sottoposte a test erano di età superiore ai 60 e altri 41% con comorbilità associate ad un aumentato rischio di progressione verso forme gravi di COVID-19.

Dopo l’arresto della campagna vaccinale con il siero Astrazeneca, la strada verso il raggiungimento dell’unità di gregge potrebbe aprirsi in Europa con l’entrata in scena sia del vaccino Johnson&Johnson che con il vaccino russo “Sputnik”, a cui la cancelliera tedesca Angela Merkel e il Premier draghi hanno già indirizzato le loro prime attenzioni.

Letture Consigliate
Articolo precedenteVaccini anti-Covid in farmacia: Speranza firma l’intesa
Prossimo articoloLuca Ward: “A nudo sul palco, letteralmente”
Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.