10 Settembre 2018 - 17:57

Vaiolo delle scimmie, primo caso di contagio a Londra

vaiolo delle scimmie

Ricoverato a Londra un uomo di origini nigeriane per un sospetto contagio di vaiolo delle scimmie. Gli effetti sull’uomo sono potenzialmente letali

A Londra, un uomo di origini nigeriane è stato ricoverato in un ospedale cittadino per un sospetto contagio di vaiolo delle scimmie. L’uomo, di stanza presso una base navale della Cornovaglia, è stato in Nigeria negli ultimi tempi. Proprio qui, probabilmente, sembra aver contratto il virus potenzialmente letale per l’uomo. Al momento è stato trasferito presso il reparto di malattie infettive del Royal Free Hospital di Londra.

Il virus del vaiolo delle scimmie è stato isolato per la prima volta nel 1970. Contrariamente al nome, può essere veicolato anche da ratti e altri roditori e può essere assunto tramite il consumo di carne inquinata. Lo riferisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità. I sintomi iniziali della malattia sono febbre, astenia, dolori articolari, linfoadenopatia e, successivamente, la comparsa di vescicole sulla pelle.

Le autorità stanno cercando di contattare tutti i passeggeri del volo preso dall’uomo affetto dal virus in modo da sottoporli a controlli e terapie preventive.