Antonello Venditti su Ultimo: “Da oggi ti devi chiamare secondo”

antonello venditti

Antonello Venditti in un video pubblicato nelle ultime ore sui social scherza e si fa vedere in compagnia di Ultimo. I due cantautori romani intonano Notte prima degli esami e ironizzano sulla polemica post Sanremo

Antonello Venditti oltre ad essere uno dei giganti della musica italiana ha dimostrato di essere anche un uomo dal piglio ironico e diplomatico. In un video postato sui social ha sbeffeggiato in maniera goliardica e piuttosto piacevole la polemica sorta sulla questione televoto ribaltata dalle giurie.

Antonello Venditti non ci sta ad alimentare il polverone mediatico che va avanti ormai dallo scorso 9 febbraio, data che ha visto trionfare Mahmood alla 69esima edizione del Festival di Sanremo, lasciando dietro i super favoriti Ultimo e Il Volo. Ecco perché Venditti se la canta e se la ride con Niccolò Moriconi, in arte Ultimo. Scherza così con il suo conterraneo e giovane artista:

“Ormai non ti puoi più chiamare Ultimo. Sei arrivato secondo. Ti devi chiamare Secondo”.

Antonello Venditti sorride di buon gusto e tra una forchettata e buon vino  aggiunge:

“Ma ti rendi conto quanto sei fortunato? Ma dove lo trovi un amico come me? Ma dove lo trova…”

In effetti, questo siparietto divertente deve avere fatto davvero piacere ad Ultimo, è stato lui stesso a condividere il contenuto video. I due si sono fatti riprendere in un locale di Roma, davanti a “du spaghi” di Carbonara e naturalmente come sfondo la partita della “Magica” in Champions League, mentre improvvisano una versione inedita di Notte prima degli esami che diventa così:

Notte di giovani autori, di pizze fritte e di canzoni. Notte di sogni,  di coppe e di campioni”

Antonello Venditti tra una battuta e l’altra non si fa sfuggire dei complimenti piuttosto sentiti che non passano inosservati e suonano già come una profetica consacrazione artistica:

“Bravissimo ragazzo, grande cantautore. Sta per uscire una canzone meravigliosa. Io spero che la faccia al mio concerto perché è bellissima”.