città della scienza

Nella Città della Scienza nasce Corporea, il primo museo interattivo del corpo umano. A coordinarne le attività il Prof. Maurizio Bifulco

[ads1]

Sta per iniziare un nuovo appassionante viaggio all’interno del corpo umano. Il 4 marzo 2017, infatti, verrà inaugurato, nella Città della Scienza di Bagnoli, Corporea, il primo museo interattivo in Europa interamente dedicato ai molteplici aspetti della salute, della prevenzione ed alle conoscenze alla base delle tecnologie biomedicali. Sarà un punto di riferimento non solo per quanto concerne lo studio del corpo umano, ma anche dal punto di vista della promozione della salute, e un luogo volto ad incentivare e a stimolare la ricerca scientifica e tecnologica.

A coordinare le attività di Corporea vi sarà il Prof. Maurizio Bifulco, Presidente della Facoltà di Farmacia e Medicina dell’Università degli Studi di Salerno. Forte del suo curriculum scientifico di caratura internazionale, ha ricevuto il prestigioso incarico di Responsabile Scientifico di Corporea.

Tre anni dopo l’incendio che distrusse il Science Centre, Città della Scienza rinasce con questa nuova avventura. Il conto alla rovescia è già scattato. E ci condurrà verso il 4 marzo del prossimo anno, una sorta di anno zero dal punto di vista culturale e scientifico per tutto il territorio.

Quali tappe potranno compiersi nel corso di questo viaggio all’interno del corpo umano?

Il sistema cardiocircolatorio sarà una di queste, alla scoperta dei sofisticati meccanismi di distribuzione delle sostanze utili alle cellule e di raccolta delle scorie.

E ancora, il sistema muscolo – scheletrico, l’equilibrio termodinamico del corpo, il sistema immunitario e il sistema sensoriale.

Il sistema digerente sarà un altro capitolo importante per conoscere il metabolismo e i principi di una sana e corretta alimentazione.

Infine il sistema nervoso (la centrale di controllo; il movimento e le funzioni automatiche; fantasia, progetti e libertà).

Attenzione particolare verrà data alla storia della medicina, con uno sguardo – non meno attento – al futuro (Robot; stampa 3D; ingegneria genetica).

L’obiettivo scientifico di Corporea, alla luce dell’approccio scelto dalla medicina negli ultimi decenni, è quello di presentare e studiare il corpo umano come un organismo in equilibrio dinamico. Si tratta di una concezione olistica (dal greco “olos”, ossia “totalità”), che consente di dare conto delle complesse interrelazioni responsabili del funzionamento globale del corpo.

Il corpo umano, nella sua totalità, dunque, si pone al centro delle ambizioni di Corporea. L’essere umano, così come tutti gli organismi biologici, è un classico esempio di struttura olistica, dal momento che il funzionamento di ogni singolo sistema non garantisce il corretto funzionamento dell’intero complesso, e fondamentale risulta, quindi, l’interrelazione reciproca tra sistema e sistema.

Il museo Corporea, in virtù dello svolgimento di incontri, mostre e della presenza di sportelli informativi, costituirà un luogo aperto di confronto tra scienza e società. Oltre ad una vasta area espositiva, sarà dotato di laboratori didattici ed installazioni multimediali, che consentiranno la sperimentazione diretta ed interattiva dei fenomeni da parte dei visitatori.

 

[ads2]