Demba Ba

I due principali protagonisti del caso “negru” si sarebbero messi in contatto: Demba Ba avrebbe chiarito la sua posizione

Il razzismo in uno stadio, così come nella vita, è sempre da condannare: il caso “negru” tra Demba Ba e il direttore di gara Coltescu ha fatto il giro del mondo. L’arbitro si è preso la responsabilità dell’accaduto, anche se il principale responsabile è il quarto uomo. L’attaccante del Basaksehir, stando alle dichiarazioni del giornalista rumeno Rose, avrebbe chiamato il direttore di gara per chiarire la sua posizione.

Potrebbe interessarti:

La telefonata sarebbe stata organizzata dal centrocampista Ousmane N’Doye. Queste le parole di Rose, riportate da Sky Sport: “Demba Ba non ha mai detto che si sia trattato di razzismo. Ha solo pensato che Coltescu non avrebbe dovuto usare la parola ‘nero’ in uno stadio (in romeno “negru” definisce il colore nero). Coltescu ha capito. Sono un grande sostenitore della pace. Sia Coltescu che Demba mi hanno chiamato dopo aver parlato, sono rimasti colpiti dalla bella conversazione che hanno avuto. 

Sono sicuro che sia stato solo un malinteso. So come sono i romeni, non ho mai avuto problemi con il razzismo quando giocavo nel loro paese. Ho cercato di ottenere il numero di Coltescu appena ho potuto per incoraggiarlo, so che non è razzista”.

Letture Consigliate