29 Dicembre 2017 - 09:30

Arrivano in esposizione a Milano i capolavori delle Marche

marche

Milano ospita ed espone i capolavori delle Marche scampati ai sismi del 2016. La mostra si terrà presso i chiostri di Sant’Eustorgio

Sono giunti a Milano i 56 capolavori della mostra I Capolavori Sibillini. Le Marche e i luoghi della bellezza. Questi preziosi dipinti provengono dalle zone colpite dai terremoti del 2016. L’esposizione si terrà fino al 30 giugno ai Chiostri di Sant’Eustorgio. Sarà una buona occasione per sentirsi vicini a quelle zone d’Italia dove ancora si soffrono le conseguenze dei sismi; inoltre, si potranno conoscere capolavori non ancora celati a tutti.

Infatti, sarà narrata la storia dal Rinascimento al Settecento, attraverso dipinti grandi e piccoli, disegni e pale d’altare. Ad aprire il percorso è la Maga di Corrado Giaquinto. Inoltre, molte delle opere in mostra spiccano per la loro sacralità: si va dal Cristo della Passione del Perugino alla Santa Caterina di Antoniazzo Romano. Ancora, ci saranno i santi seicenteschi di Simone de Magistris e la tavola delle Nozze mistiche di Santa Caterina d’Alessandria, proveniente dalla bottega del Ghirlandaio. Non ci saranno soltanto dipinti in questa mostra. Saranno presenti, infatti, vivide nature morte, come quelle che resero celebre Cristoforo Munari detto Spadino. Inoltre, ci saranno ritratti, scene mitologiche e rappresentazioni di battaglie.

La selezione di dipinti è stata curata da Daniela Tisi e Vittorio Sgarbi. L’iniziativa di questa mostra è una testimonianza di come in passato le Marche siano state meta di importanti rotte culturali e sede di talenti destinati a diffondere la propria influenza nei più grandi centri artistici d’Italia.