L’Eternita (Il Mio Quartiere): fuori oggi il duetto Moro-Ultimo

Prima Pagina L'Eternita (Il Mio Quartiere): fuori oggi il duetto Moro-Ultimo

E’ in vendita da oggi in tutti gli store di musica digitale e in rotazione radiofonica, “L’Eternità (Il Mio Quartiere)”, nuovo singolo di Fabrizio Moro in duetto con Ultimo

Da quando, lo scorso Febbraio, ha vinto il Festival di Sanremo in coppia con Ermal Meta, Fabrizio Moro sembra essere particolarmente avvezzo ai duetti: è accaduto così che un suo successo del 2013 (“L’eternità“, contenuto nell’album “L’Inizio”), sia stato nuovamente inciso in una versione duetto con Ultimo, fresco vincitore tra i Giovani di Sanremo con la canzone “Il Ballo delle incertezze”.

L’eternità (Il mio quartiere): il testo

- Advertisement -

Grazie alle rime di Ultimo, “L’Eternità”, già forte della poetica cantautorale e viscerale di Moro, si arricchisce di nuova linfa.

Di seguito potete leggere il testo della canzone ed a QUESTO link potete invece ascoltarla.

- Advertisement -

E’ eterno il sorriso ingenuo di un bambino

Sono eterne le mie parole in un bicchiere di vino
È eterna la radice di un albero che ha visto la storia
Un pensiero contaminato dalla memoria
È eterno chi ha scelto di vivere a suo modo
La mia voglia, la pace, la guerra fra il gatto ed il topo
È eterno un soffio di vento mentre chiudi i tuoi occhi
E ogni cosa che ti da un’emozione quando la tocchi

Aspetta qui per un minuto
E stringi le mie mani fino all’infinito
Che se ti guardo io non ci credo
Che da domani sarà tutto cambiato
E non ci vedremo più
Quando infondo l’eternità per me sei tu

- Advertisement -

È eterna la festa che fanno nel mio quartiere
Chi salta dalla vetta più alta quando sta per cadere
La leggerezza quasi scontata di questa canzone
Un’idea che cambia il pensiero di tante persone

Aspetta qui per un minuto
E stringi le mie mani fino all’infinito
Che se ti guardo io non ci credo
Che da domani sarà tutto cambiato
E non ci vedremo più
Quando infondo l’eternità per me sei tu

È eterna la strada che porta dentro ai nostri discorsi
L’abbraccio di un figlio al padre per tutti i suoi sforzi
È eterna la vita se riesci a capirla
Non ti chiedo di amarla ma di riuscire a sentirla
È eterno un ragazzo che sogna con gli occhi bagnati
La tua voce al mattino che azzera gli incubi e gli anni passati
È eterno tutto questo se tu riesci a dargli un senso
Ti prego adesso aspetta

Aspetta qui per un minuto
E stringi le mie mani fino all’infinito
Che se ti guardo io non ci credo
Che da domani sarà tutto cambiato
E non ci vedremo più
Quando infondo l’eternità per me sei tu

 

- Advertisement -
Avatar
Riccardo Manfredelli
Venticinquenne lucano, laureato presso l'Università degli Studi di Salerno. Coltivo, con pazienza e dedizione, il sogno di diventare giornalista professionista. Nutro una passione smisurata per tutto ciò che è Pop, per tutto ciò che è spettacolo. Mi piace più ascoltare che parlare, più fare che mostrare. Per Zon.it scrivo principalmente di Cinema e Tv.

Covid-19

Italia
203,182
Totale di casi attivi
Updated on 25 October 2020 - 11:42 11:42