sanchez, spagna Eutanasia
Immagine da Pixabay

Dopo l’approvazione del Senato, la Spagna sarà il sesto paese a legalizzare l’eutanasia. La Camera ha ufficialmente approvato

La Spagna è davvero vicina al sì. Manca solo l’approvazione del Senato e la Spagna diventerà il sesto Paese a legalizzare la pratica dell’eutanasia. Alla Camera la proposta è passata con 198 voti favorevoli e questo fa presagire che la proposta passerà senza problemi.

Il disegno di legge introduce l’eutanasia per le persone che soffrono di patologie incurabili. Il disegno di legge, presentato dal Partito Socialista del primo ministro Pedro Sànchez, ha ottenuto 198 voti a favore, 138 contrari e 2 astensioni. Oltre al Partito Socialista, hanno votato a favore della legge Unidas Podemos, coalizione di sinistra al governo con i socialisti, Junts per Catalunya (indipendentisti catalani di centrodestra), CUP (indipendentisti catalani di estrema sinistra), e Ciudadanos (partito di destra liberale, all’opposizione).

La legge prevede che le persone con una malattia incurabile possano beneficiare dell’eutanasia dopo che hanno chiesto fino a quattro volte di poterla ricevere e dopo che hanno presentato i referti medici necessari per dimostrare la propria condizione. La richiesta dovrà essere esaminata e accolta da una commissione esaminatrice, poi il paziente dovrà dare un’ultima volta il suo consenso. La legge prevede comunque il diritto all’obiezione di coscienza da parte del personale sanitario.

In Italia invece bisognerà aspettare ancora molto affinché questa legge possa passare. La cultura fortemente cristiana che caratterizza il nostro paese non permette di accettare l’eutanasia. Nonostante gli appelli e le azioni concrete sul tema, l’eutanasia rimane ancora un tabù per il nostro, amato, Paese.