Giubbotti appesi sui pali per i senzatetto

Giubbotti

Giubbotti appesi sui pali: è la trovata di una donna canadese per aiutare i senzatetto a combattere il freddo

Milioni di persone oggigiorno sono costrette a vivere per strada. Impossibilitate e mantenersi, si limitano a cercare di sopravvivere elemosinando o raccogliendo cibo e abiti dai cassonetti. La situazione, insostenibile già così, si aggrava ancora di più durante l’inverno. Gli homeless hanno solo abiti vecchi e rovinati e dei cartoni sporchi per combattere il freddo. Non ci sono giubbotti o coperte a tenere caldi i senzatetto. Così, ogni anno, molti, troppi muoiono di freddo per strada.

Questa triste realtà ha spinto Tara Smith-Atkins ad appendere dei capi sui pali della sua città Halifax, in nuova Caledonia, in Canada.

L’idea, alla signora Smith-Atkins, è venuta mentre organizzava la festa per gli otto anni della figlia. Ha così mobilitato un gruppo di bambini e i loro genitori, ritenendo giusto organizzare un evento particolare per educare i piccoli a fare del bene. Hanno lanciato tutti insieme una raccolta fondi per acquistare i giubbotti, e una domenica mattina sono scesi in strada per appendere cappotti e giubbotti ai pali.

image

I senzatetto non possono permettersi di acquistare giubbotti o altro per tenersi al caldo, e questi, donati dalla comunità, potrebbero aiutarli a resistere alle rigide temperature invernali all’aperto.

I giubbotti appesi, con sciarpe e guanti nelle tasche, presentano un etichetta: “Non siamo oggetti smarriti! Se siete bloccati fuori al freddo, prendeteci pure per stare al caldo!”

La città di Halifax, in Canada, è stata così colorata da un gesto solidale.

L’iniziativa ha avuto un grande impatto sui social, mostratisi piacevolmente colpiti. Tara Smith-Atkins ha così annunciato l’intenzione di replicare l’iniziativa dei giubbotti anche in altre città limitrofe.

In Inghilterra e in molti altri Paesi del Nord si sta già diffondendo l’usanza di lasciare i propri giubbotti dismessi sui pali o sugli alberi per dare ai clochard la possibilità di ripararsi dal freddo.

Ci auguriamo che iniziative simili vengano intraprese anche in Italia. Giubbotti, coperte, cibo e magari un tetto aiuterebbero molti senzatetto a salvarsi durante questo gelido inverno.

Per Natale allora regaliamo un aiuto. Insieme alle luci e alle decorazioni, in città mettiamo anche noi cappotti e giubbotti sui pali, il più bello addobbo natalizio!