Governo: il Movimento 5 Stelle studia un attacco al Tesoro



rating

Massimo Garavaglia e Laura Castelli restituiscono le deleghe al ministro. Nel frattempo, con un documento si prepara l’attacco al Tesoro

Giovanni Tria pesantemente sotto attacco. Da ieri il suo ruolo sembra essere cambiato, soprattutto dopo lo scontro sulla legge di stabilità. Luigi Di Maio si è scagliato contro il suo collega del Tesoro, e durante una cena ha impresso al braccio di ferro una straordinaria accelerazione.

Un miliardo, ha detto che ci dava solo un miliardo in più rispetto al reddito di inclusione. Inaccettabile. Senza risorse non abbiamo spazi di manovra.” Questo, in sintesi, il suo pensiero. Il ministro del Lavoro sta preparando un documento, in questo senso, mirato proprio a mettere alle strette il ministro dell’Economia.

Giovanni Tria, però, non demorde, e ribatte colpo su colpo. Tra l’altro, forte della sua posizione, ha trovato un alleato indiretto nelle opposizioni. PD e FI, infatti, lo difendono a spada tratta, reputandolo l’unico ministro in buona fede del Governo.

Ma non è tutto. I motivi di irritazione del M5S non si limitano solamente alle scelte politiche. A mettere altra carne a cuocere è il caso delle deleghe ai due sottosegretari, Laura Castelli e Massimo Garavaglia. La Lega, su questo punto, resta ancora piuttosto passiva, probabilmente proprio perché sta elaborando una strategia.

In sostanza, i due non hanno ancora ricevuto incarichi ben precisi. La reazione è stata durissima: la proposta è stata respinta e i documenti non firmati.

Da qui l’ulteriore indignazione. Il Tesoro è sotto attacco, Tria si dovrà guardare pesantemente le spalle.

Leggi anche