Guerra mail: Apple, Google, Microsoft contro gli USA

Google Microsoft Apple USA Privacy Mail

Ancora violazioni della privacy, gli Stati Uniti non mollano. A battagliare contro le violazioni dei diritti sono le grandi aziende del mondo informatico: Apple, Google e Microsoft

project adv

L’ossessione della sicurezza, chiamiamola così. La battaglia eterna al terrorismo domestico, forse. Ma è indubbio che ogni scusa è buona per scavare nella vita privata dei cittadini. Gli USA non mollano, nonostante i precedenti, la battaglia contro il diritto di privacy. A dare, però, filo da torcere sono le grandi aziende del mondo informatico e le associazioni di stampa.

In prima fila troviamo Microsoft, che da subito si è schierata contro l’intrusività degli Stati Uniti. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti rivendica, tramite il Patriot Act, il diritto di accedere a dati sensibili e privati, in nome della sicurezza nazionale. Dall’altro lato, supportando Microsoft, gli altri big del mondo informatico e le società del mondo dei Media, fanno fronte comune argomentando le proprie ragioni grazie ai diritti costituzionali.

Il precedente più eclatante è quello del famoso iPhone di San Bernardino. Microsoft, partendo da questo, tenta di smontare le ragioni del governo. Non si tratta più di casi isolati, bensì di prassi consolidate. Le richieste di accesso ai dati degli utenti, senza ragioni plausibili, si fanno sempre più insistenti. 5600 sono le richieste di accesso avute, solo da Microsoft, tra settembre 2014 e marzo 2016.

Il vero e proprio problema, però, sorge quando, come è accaduto, viene impedito a Microsoft di comunicare al cliente la consegna dei dati alle autorità.

Il cuore del problema è il pericolo che l’intero sistema di comunicazione, dalle mail al cloud, collassi. Le continue intrusioni degli enti governativi sono un vero e proprio problema per i fornitori di servizi. Mettono, tra l’altro, a rischio anche l’intero mercato.

“Riteniamo che i diritti costituzionali in gioco in questo caso siano di fondamentale importanza e che la gente dovrebbe sapere quando il governo accede alle loro email a meno che la segretezza non sia realmente necessaria” – dice Microsoft.

Video del giorno

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpacco ombelicale nuovo trend di stagione
Prossimo articoloGelo al G20. Putin e Obama non riescono ad accordarsi sulla Siria

Nato ad Avellino, consegue la laurea in Economia e Amministrazione delle Imprese (con Tesi di Lauea in Storia Economica dal titolo: L’Economia del Mezzogiorno durante il Fascismo. Il Caso dell’Irpinia). Dopo aver vissuto a Ferrara, studiando Economia, Mercati e Management (con Tesi di Laurea in Gestione delle Risorse Umane – La proattività del Lavoratore), torna in Irpinia per continuare il “viaggio” narrativo e di scoperta intrapreso anni addietro (Novembre 2010) con la fondazione del portale divulgativo, sotto forma di Open-Blog, “Terre del Lupo – Alla scoperta dell’Irpinia”.
Appassionato di Storia, Filosofia, Cucina, Tradizioni locali, Musica, Cinema, è co-fondatore del progetto itinerante “Invasioni Irpine”, escursioni gratuite nei diversi comuni d’Irpinia, per conoscere, divulgare e raccontare tramite i social-network le bellezze della provincia.
Ha collaborato con il quotidiano ilNadìr.net occupandosi di Economia, e con Zon.it di tecnologia, e di temi locali.
E’ co-fondatore da luglio 2016 di TheMonkey.net, un blog che si occupa di tecnologia ed elettronica di consumo.