Influenza, le ultime notizie istituzionali



influenza

Informazioni utili per prepararsi al meglio: prevenire e combattere l’influenza a partire dai primi freddi

Ogni anno il Ministero della salute divulga un documento con le raccomandazioni per prevenire l’influenza che colpisce solitamente milioni di persone nei mesi più freddi dell’anno.

Quest’anno il Ministero rende noto che, per la stagione 2016/17, secondo indicazioni dell’Organizzazione Mondiale di Sanità, il vaccino conterrà:

– antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H1N1)pdm09;

– antigene analogo al ceppo A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2);

– antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria).influenza

Il vaccino antinfluenzale è indicato per tutti i soggetti che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni alla somministrazione dello stesso. Il Sistema Sanitario Nazionale offre la copertura antinfluenzale gratuitamente alle donne che si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, a tutti i soggetti a rischio di complicanze per patologie pregresse o concomitanti, ai soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, agli operatori sanitari che hanno contatto diretto con i pazienti e ad altri soggetti a rischio il cui elenco è contenuto nella Circolare divulgata dal Ministero della Salute.

Le raccomandazioni ministeriali riguardano anche le norme igieniche da seguire per prevenire l’influenza:

1) lavarsi spesso le mani, anche con gel alcolici in assenza di acqua;

2) tenere una buona igiene respiratoria coprendo bocca e naso quando si starnutisce o tossisce e/o usare la mascherina in caso di sintomatologia influenzale;

3) isolamento volontario delle persone con malattie respiratorie febbrili soprattutto se in fase iniziale.

Anche se solitamente l’influenza colpisce nei mesi più freddi dell’anno, quest’anno sembra siano già stati segnalati i primi casi di influenza in Puglia con quasi sei mesi di anticipo. Sono stati isolati due virus del ceppo A probabilmente di sottotipo H3N2.

Visto l’accaduto, bisogna quindi iniziare la prevenzione e curare con attenzione alimentazione e norme igieniche.

Leggi anche