Juventus
Foto: Facebook Juventus

Il Benevento fa la storia a Torino, Inzaghi batte Pirlo. Juventus sprecona e schiava della sua fragilità. I campani alzano il muro e sfruttano gli errori

Grande partita del Benevento all’Allianz Stadium, Juventus ancora rimandata e quasi definitivamente fuori dalla lotta scudetto. Bianconeri ora costretti a guardarsi le spalle per evitare la mancata qualificazione alla Champions League.

Potrebbe interessarti:

La Juventus scende in campo con un classico 4-2-3-1 senza alcuna alternanza di modulo, con Chiesa a sinistra e Kulusevski a destra a dar man forte alle due punte. Il Benevento risponde con una formazione più compatta, con una linea a cinque a proteggere Montipò. La prima mezz’ora vede i bianconeri in possesso del pallone, ma senza aumentare i giri del motore. La prima palla gol capita sui piedi di Cristiano Ronaldo, che da posizione defilata sfiora il palo.

Inzaghi chiede molto sacrificio alle due punte, che rispondono presente, cercando di limitare il palleggio di Arthur. Danilo sfiora il gol al termine di un’azione costruita sulla destra, il terzino raccoglie un pallone in area ma centra la difesa avversaria. Negli ultimi quindici minuti i bianconeri cercano di alzare il ritmo ed è Morata il più pericoloso. Lo spagnolo lanciata a tu per tu contro il porterie, calcia debolmente nelle sue mani. Poco dopo, dagli sviluppi di un corner sempre Morata calcia alto dopo una deviazione di Montipò su colpo di testa di De Ligt.

Al 35′ Abisso concede un calcio di rigore alla Juventus per fallo di mano di Foulon, ma grazie all’intervento del Var cambia idea e concede il calcio d’angolo. Qualche giro d’orologio più tardi, la Vecchia Signora trova una buona trama sulla destra con Kulusevski che becca Ronaldo, bravo a gonfiare la rete, ma Abisso interviene e annulla per fuorigioco. Nel secondo tempo la Juventus continua a fare la partita ma non in modo convincete e con poca ferocia.

Montipò, il migliore in campo, compie una serie di miracoli su Ronaldo. Al 69′ il Benevento sfrutta un errore in impostazione di Arthur e passa in vantaggio con Gaich. Qualche azione più tardi Chiesa punta Foulon, che lo stende, ma per l’arbitro non è fallo e il Var non interviene. CR7 in rovesciata sfiora il pareggio, ma la palla esce di poco, specchio della partita di Madama. Il Benevento nel finale tiene strette le linee e porta a casa una vittoria storica.

Juve Benevento 0-1: risultato e tabellino

Rete: 69′ Gaich

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, de Ligt, Bonucci, Bernardeschi; Chiesa, Arthur (72′ Bentancur), Rabiot (72′ McKennie), Kulusevski; Morata, Ronaldo. All. Pirlo. A disp. Pinsoglio, Buffon, Chiellini, Di Pardo, Dragusin, Frabotta, Fagioli

Benevento (3-5-2): Montipò; Tuia, Barba, Caldirola; Improta, Hetemaj (82′ Dabo), Viola, Ionita, Foulon (72′ Tello); Lapadula (72′ Caprari), Gaich (82′ Di Serio). All.Inzaghi. A disp. Manfredini, Lucatelli, Insigne, Moncini, Sau, Pastina

Arbitro: Abisso di Palermo

Ammoniti: 9′ Tuia, 17′ Bernardeschi, 75′ Barba, 84′ Tello, 90+2′ Bentancur

NOTA: 73′ ammonito Pirlo per proteste

Letture Consigliate