Juventus-Genoa
Foto: Facebook Juventus

La Juventus conquista una netta vittoria contro la Dinamo Kiev. 750 volte Ronaldo, Chiesa domina la fascia e incide su tutti i gol

La Juventus conquista i tre punti senza molte difficoltà. Partita a due facce, con le solite ombre che fanno preoccupare Pirlo. La Dinamo Kiev fa il massimo, ma si piega alla differenza tecnica.

Potrebbe interessarti:

I bianconeri partono con la giusta mentalità, affrontando i primi minuti come se fosse una vera partita. Chiesa costruisce la prima occasione da gol, fuori da poco il suo tiro dal limite, complice anche una deviazione. Ronaldo si scalda con un tiro da fuori che non va a segno.

La rete del vantaggio la costruiscono gli esterni: Alex Sandro galoppa e serve Chiesa, bravo di testa a gonfiare la rete (colpevole Bushan al 21′). La Juventus apre bene il gioco sulle fasce e al 30′ sfiora il raddoppio con Ronaldo, che al termine di una buona azione individuale di Alex Sandro, calcia il pallone sulla traversa.

La Vecchia Signora si spegne negli ultimi quindici minuti e concede campo agli avversari. Szczesny sul finire del primo tempo compie un miracolo in uscita su Tsygankov. Nella ripresa la Juventus non parte bene e va spesso fuori fase con un pressing non organizzato. La scossa arriva dopo il secondo ottimo intervento di Szczesny, che sveglia la squadra.

Al 57′ Cristiano Ronaldo mette a segno il suo 750esimo gol in carriera, uno dei più semplici, a porta sguarnita. Decisivo ancora una volta Chiesa, bravo a puntare l’uomo, saltarlo e mettere in mezzo un traversone velenoso. Dopo la rete del raddoppio gli ucraini concedono maggiore spazio.

Al 66′ Morata archivia la pratica al termine di un contropiede perfetto, orchestrato da McKennie e Chiesa, con l’esterno italiano che mette a segno un altro assist.

Juve Dinamo Kiev 3-0: risultato e tabellino

Reti: 21′ Chiesa, 57′ Ronaldo, 66′ Morata

Juventus (4-4-2): Szczesny; Demiral (68′ Dragusin), De Ligt, Bonucci (62′ Danilo), Alex Sandro; Ramsey (62′ Bernardeschi), McKennie, Bentancur (76′ Arthur), Chiesa (76′ Kulusevski); Ronaldo, Morata. All. Pirlo. A disp. Pinsoglio, Cuadrado, Frabotta, Rabiot, Portanova, Dybala, Da Graca.

Dinamo Kiev (4-3-3): Bushchan; Kedziora, Zabarnyi, Popov, Mykolenko (84′ Karavev) ; Shepeliev (72′ Garmash), Sydorchuk, Shaparenko; Tsygankov (90+1′ Lednev), Verbic (72′ Supryaha), Rodrigues (72′ De Pena). All. Lucescu. A disp. Neshcheret, Boyko, Baluta, Shabanov, Andriyevskiy, Clayton, Syrota.

Arbitro: Frappart (FRA)

Ammoniti: 10′ Bentancur, 25′ Zabarnyi, 81′ Shaparenko

Letture Consigliate