L’esigenza di unirmi ogni volta con te, una passione senza freni



passione senza freni

L’esigenza di unirmi ogni volta con te, l’ultimo successo editoriale di Tonino Zangardi diventa un film, sceneggiato e diretto dall’autore. Storia di una passione travolgente

Amore, passione, ossessione, ma anche voglia di ricominciare da zero e rivoluzionare la propria vita. L’esigenza di unirmi ogni volta con te, il nuovo film di Tonino Zangardi, narra la storia di un uomo e una donna in fuga da un’esistenza insoddisfacente.

La loro avventura on the road diviene metafora di un lungo viaggio interiore verso una nuova vita.

passione
L’esigenza di unirmi ogni volta con te, una passione senza freni

Giuliana (Claudia Gerini) conduce una vita apparentemente normale, ordinaria. È sposata da dieci anni con Martino, un marito poco passionale e totalmente immerso nel lavoro tanto da non essere in grado di rendere felice sua moglie. Una mattina due rapinatori armati irrompono nel supermercato in cui lavora. Giuliana e la sua collega sono terrorizzate dalle minacce dei malviventi, fino a quando Leonardo (Marco Bocci), un affascinante poliziotto che ha conosciuto da poco, arriva a salvarle la vita.

Da quell’incontro nasce una passione travolgente, senza freni, un’alchimia che attrae i due amanti impedendogli di opporre resistenza. A quali scelte saranno costretti per difendere il loro amore? Qual è il prezzo da pagare per essere felici? L’amore nel loro caso conduce ad un bivio: continuare a vivere in un “confortante” equilibrio apparente o lasciarsi travolgere dal sentimento per rincorrere la tanto agognata felicità.

Con queste parole il regista descrive la tormentata vicenda vissuta dai due amanti:

“Sono due persone che rovesciano la loro vita, s’innamorano del proprio opposto che hanno di fronte e anche dentro di sé e si lasciano andare verso un destino segnato e sognato. Si lanciano verso il loro futuro frenati da una molla che più si allunga in avanti più li trascina nel passato, come due bambini finti-innocenti che si spalleggiano nel senso di colpa. Con l’ossessione di una finta felicità che li travolge, in una fuga senza fine dove la fine stessa è nascosta dietro ogni angolo”. 

Leggi anche