Lorella Boccia
Dalla trasmissione "Verissimo" (Mediaset Play)

A pochi giorni dall’annuncio della sua gravidanza, Lorella Boccia svela di aspettare una bambina: “Niccolò ci sperava!”

Qualche giorno fa, a mezzo social, Lorella Boccia ha annunciato di essere incinta. Oggi, a Verissimo in onda su Canale 5, la ballerina e showgirl partenopea ha svelato di aspettare una bambina:

Potrebbe interessarti:

Non ho ancora realizzato”, ha confessato alla padrona di casa Silvia Toffanin, “Ora che sto per diventare mamma, spero di imparare da mia madre la sua forza. Quella forza con cui ha superato ostacoli che mi sembravano insormontabili. Spero di diventare anche solo la metà di quello che lei è stata, e continua ad essere, per me e mia sorella”.

Lorella Boccia, trentenne nata artisticamente nella scuola di “Amici di Maria De Filippi” è sposata dal 2018 con Niccolò Presta, tra i più influenti giovani produttori e agenti televisivi: “Lui ci sperava che fosse una femmina”, ha detto Lorella (che dal 6 Maggio esordirà alla conduzione del nuovo late-show di Italia 1 Venus Club), “Se lo sentiva, eppure quella incinta ero io (ride, ndr.). Voleva proprio una femminuccia: da quando l’ha saputo, mi ha costretto a parlare al pancione al femminile”.

La sorpresa di Niccolò Presta

Proprio Niccolò ha dedicato a sua moglie parole dolcissime, attraverso una lettera a cui Silvia Toffanin ha dato voce: “Lorella mi ha cambiato la vita”, si legge nel passaggio che ha sciolto in lacrime d’emozione la destinataria, “Grazie amore mio, per avermi regalato un sogno, che pensavo fosse irrealizzabile“.

Come si chiamerà la bambina (che dovrebbe nascere a metà Ottobre)? Lorella Boccia non si espone, tuttavia ha raccontato alle telecamere di Verissimo di un legame speciale che sente con la madre di suo marito, purtroppo deceduta, Emanuela. Scegliere di dare questo nome alla nuova arrivata potrebbe essere dunque un ulteriore tributo alla sua persona:

Io la mamma di Niccolò, che purtroppo non c’è più non l’ho mai conosciuta”, ha spiegato Lorella, Eppure sento di avere con lei un legame particolare: quando ho bisogno, vado a trovarla al cimitero e ci parlo. Sembrerà strano ma poi sto meglio”.

Letture Consigliate