Muore Anita Ekberg, il volto del benessere



Anita Ekberg
Anita Ekberg e Marcello Mastroianni

Anita Ekberg è morta oggi all’età di 83 anni. Attrice svedese, arrivata in Italia con Federico Fellini, resta immortale per la celebre scena in La dolce vita

Neanche il tempo di assorbire la notizia della morte di Francesco Rosi e subito ne arriva un’altra: muore Anita Ekberg, nella clinica San Raffaele di Rocca di Papa (Castelli romani). Icona popolare arrivata in Italia via Hollywood per restare nell’immaginario di tutti noi. Anita Ekberg fa pensare subito a Fellini, e a volte viceversa. Comincia la carriera negli anni ’50, si trasferisce negli Stati Uniti, dove sarà accolta e inserita dal produttore Howard Hughes

Fa parte del cast nel colossal Guerra e pace di King Vidor, e presto appare in La dolce vita (1960), conquistando a lungo la memoria cinematografica nazionale, ritornando poi in altri film di Fellini: Boccaccio ’70, I Clowns e in Intervista.

Anita Ekberg
Anita Ekberg e Marcello Mastroianni

Gli anni ’60 rappresentano il momento di crescita in Italia, definiti appunto gli anni del Boom economico, fase in cui gli italiani cercano svago dopo le giornate di lavoro. Il pubblico al cinema era prevalentemente maschile, e la donna bionda simboleggia lo splendore economico, il momento di serenità e benessere dopo tante difficoltà, incarna una sorta di traslazione del miracolo americano in Italia.

Anita Ekberg è quella bellezza, quella sensualità, quel corpo sui cui tutti i desideri si concentravano. Un corpo desiderato fortemente, capace di scomporre ogni tabù, perché c’era bisogno di novità, di uscire dal torpore: il progresso era reale, appunto, e Anita Ekberg ne era l’immagine.

L’attrice svedese in La dolce vita interpreta lo scioglimento delle tensioni attraverso un corpo abbondante e bello, la sensualità e l’incontro con il nuovo, con l’America.

Stephen Gundle (in Figure del desiderio. Storia della bellezza femminile italiana) descrive così Anita Ekberg in relazione alla celebre scena

Queste donne (riferendosi anche a Brigitte Bardot) infransero le regole, occupando un territorio dell’immaginario che veniva ampliato dalla loro presenza. Esse facevano da pendant alle donne moderne nella loro dimensione domestica e ammorbidita, la quale rappresentava l’ordinarietà e l’accessibilità della società consumistica.

Leggi anche



Articolo precedentePatate in pastella croccanti
Prossimo articoloDiphallia, l’uomo con due peni funzionanti
Avatar
Laureata in D.A.M.S presso l'Università di Udine, giornalista pubblicista, curo da un anno la rubrica ZONmovie con un bel gruppo di collaboratori. Cerchiamo di seguire gli interessi dei lettori, ma allo stesso modo vogliamo garantire i contenuti, sempre ben argomentati e fondati rispetto a ciò di cui parliamo. Analizziamo la rubrica in relazione all'arte, all'animazione americana e seguiamo le migliori serieTv e, con speciali dedicati, offriamo retrospettive sulle serie più attese. Inoltre, anche la nuovissima rubrica "Dal libro allo schermo" garantisce una pluralità di contenuti. Non solo. ZONmovie propone anche una sezione dedicata alla WebSerie, con appuntamenti settimanali.