9 Gennaio 2018 - 09:19

“Non abbiamo armi” è il nuovo album di Ermal Meta

non abbiamo armi

“Non abbiamo armi” è la name track dell’ultimo album di Ermal Meta. Sarà il forum di Assago, il 28 di Aprile, a fare da trampolino di lancio ad un pacchetto sonoro confezionato a regola d’arte

Ermal Meta è uno che con determinazione e sudore della fronte, le cose se le conquista, conservando quella giusta dose di umiltà che appartiene ai grandi. Lo ha dimostrato nel corso del 2017, anno che lo ha visto trionfare come Best italian Act, a riprova di un’annata d’oro iniziata con il terzo posto a Sanremo e conclusasi con un pienone di sold out in giro per l’Italia e per l’Europa.

È davvero incredibile il susseguirsi di traguardi raggiunti da questo artista che ha già iniziato il 2018 con il botto. Dapprima la partecipazione annunciata alla 68esima edizione del festival di Sanremo in coppia con Fabrizio Moro, poi le certificazioni oro per il singolo Ragazza paradiso e per il feat con ElisaPiccola anima.

Proprio ieri l’instancabile cantautore albanese con un’anteprima degna di uno story telling da Oscar ha messo in scena il prologo del suo prossimo progetto discografico. Si chiamerà Non abbiamo armi ed Ermal lo ha descritto così sui social:

Ho pensato che veniamo al mondo come piccole navicelle spaziali lanciate da una mano gigante e invisibile, ho pensato che proviamo di tutto, il bello e il brutto, ho pensato che ridiamo, piangiamo, vinciamo, falliamo, cantiamo e urliamo, ho pensato che corriamo così tanto da sentire i polmoni bruciarci nel petto. Ho pensato che in mezzo ad una tempesta o anche sotto una pioggia di bombe, il cuore è l’unico scudo e riparo che abbiamo. Ho pensato che per tutta la durata di questo grande viaggio che è la nostra vita cerchiamo sempre la mano di qualcuno e ho capito che è così perché…
…NON ABBIAMO (altre) ARMI“‘

Il palco dell’Ariston che ha portato ad Ermal successo e fortuna si trasformerà in questa edizione in luogo di consacrazione. Non più una rivelazione, il talento di Ermal Meta è ormai noto a tutti e lo sanno bene i suoi lupi che non hanno mai smesso di correre al suo fianco per sostenerlo. Tutte le sue vittorie il cantante le ha dedicate a loro, ai quali continua ad augurare “del mondo ogni sua bellezza”.

Non abbiamo armi ha già il sapore di un to be continued di Vietato Morire, un’aggiunta ad una lezione intrapresa e lasciata a metà, di cui Ermal si conferma essere maestro di non violenza e proliferatore di belle parole, di quelle pensate e ponderate, di quelle che fanno bene.

Parole contro le quali nulla possono le armi e parole che talvolta fungono da armi. Tutte le parole di Ermal Meta, quelle di cui il panorama musicale italiano non può più fare a meno.